Zeman vs Caneo, tridenti a confronto, filosofie simili: le premesse per un Foggia-Turris ricco di gol e spettacolo…

09.09.2021 19:14 di Vincenzo Piergallino   vedi letture
Zeman vs Caneo, tridenti a confronto, filosofie simili: le premesse per un Foggia-Turris ricco di gol e spettacolo…

Provate a dirgli che nel calcio conta più il risultato che il gioco e non ne uscirete vivi... Seppur incomparabili per storia, avendo avuto percorsi totalmente diversi, Zdeněk Zeman e Bruno Caneo, prossimi avversari nell’anticipo di sabato sera allo Zaccheria che vedrà di fronte Foggia e Turris, condividono lo stesso credo calcistico, vale a dire il provare a vincere attraverso un gioco offensivo, spregiudicato e divertente. I due tecnici non utilizzano lo stesso modulo di gioco: Zeman può essere definito il maestro del 4-3-3, mentre Caneo è un fedele seguace del 3-4-3 di matrice “gasperiniana”, tanto che il tecnico del Monopoli ha parlato della Turris come di una “piccola Atalanta” della serie C. Tuttavia, entrambi possono essere classificati come allenatori integralisti e predisposti ad un’idea tattica che non si sottrae agli 1vs1 a tutto campo, nella quale sono imprescindibili le sovrapposizioni sugli esterni, anche a costo di rischiare più del dovuto in fase di non possesso. 

Vincere segnando un gol in più e non subendone uno in meno. Zeman e Caneo, in condizioni ideali, schierano puntualmente le loro squadre con un tridente offensivo. Ed il confronto tra i terzetti avanzati dei satanelli e dei corallini appare molto suggestivo a poche ore dal big match: da una parte il trio Curcio-Ferrante-Merkaj, dall’altra Giannone-Santaniello-Leonetti (in cerca del primo gol in campionato). Sarà una sfida nella sfida quella che opporrà i due numeri 10 Curcio e Giannone, che l’anno scorso sono stati considerati i fantasisti più decisivi del girone C. Interessante anche il duello a distanza tra i goleador: sulla sponda rossonera l’ex Ternana Ferrante, che quest’anno punta alla doppia cifra, solo sfiorata nel biennio precedente; su quella biancorossa Santaniello, che invece la vuole ritrovare dopo averla già centrata con continuità dal 2016 al 2020, senza patire più di tanto il passaggio dalla D alla C.

Insomma, la sensazione è che ci siano tutte le premesse per una gara in cui entrambe le compagini si possano sfidare a viso aperto, potenzialmente ricca di gol, potenzialmente divertente sugli spalti, potenzialmente esaltante per gli attaccanti in campo, meno per le difese delle due compagini…