TUTTO E' - Rainone promuove la difesa a 3: "Così siamo più coperti. I playoff? Non sono impossibili..."

21.11.2020 06:36 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Fonte: Tutto E'...
TUTTO E' - Rainone promuove la difesa a 3: "Così siamo più coperti. I playoff? Non sono impossibili..."
© foto di Salvatore Varo

Tra i leader di questa nuova Turris formato serie C, tanto in campo come nello spogliatoio, vi è senza dubbio Pasquale Rainone. L’ex capitano della Casertana ha rilasciato un'ampia intervista al settimanale locale Tutto E'...

IL GOL SALVA DERBY. Lo stesso difensore commenta il risultato maturato nel big match con la Juve Stabia: “Abbiamo preparato bene questa partita. Ci tenevamo a fare bella figura, vista la grande attesa a Torre del Greco per un derby che mancava da 20 anni. A mio parere, ad eccezione dei primi dieci minuti, dove dovevamo prendere le misure all’avversario, abbiamo disputato un’ottima gara. Peccato che nella ripresa sia mancato il guizzo vincente, nonostante la nostra pressione nella metà campo della Juve Stabia. Ma nel complesso ritengo il pari il risultato più giusto. A tratti si è visto un grande spettacolo in campo, ma col pubblico sarebbe stata tutt’altra cosa…”.

L’IDENTITA’. Passando ad un’analisi della Turris di questa prima parte di stagione, Rainone non rifiuta l’appellativo di squadra da trasferta: “Se per essa intendiamo il fatto che si trova maggiormente a suo agio contro squadre più sfrontate, come definizione ci può anche stare. E’ vero che troviamo più difficoltà contro compagini che si chiudono, invece ci esprimiamo al meglio contro quelle che hanno il pallino del gioco. Non a caso le nostre due sconfitte sono pervenute in casa, contro le avversarie che più si sono coperte contro di noi, come Paganese e Potenza. In trasferta è più facile trovare rivali che ti affrontano a viso aperto ed in questo modo possiamo sfruttare le nostre potenzialità in ripartenza, potendo sfruttare ragazzi di gamba in attacco. Anche se non mancano i palleggiatori in mezzo al campo…”.  

IL MODULO. L’ex Casertana si sofferma anche sulla difesa a tre, schierata da mister Fabiano nelle ultime due apparizioni: “Sarà il mister a decidere come giocare nelle prossime gare, ma posso dire che con questo assetto siamo più coperti in fase difensiva, visto che nello schieramento a 4 i terzini sono chiamati a spingere e ad abbandonare la posizione. Credo che possiamo fare bene con questo modulo, dato che garantisce un buon equilibrio e ci permette di difendere bene. Ovviamente necessita di essere oliato e in tal senso dobbiamo migliorare nella costruzione del gioco, visto che in questo caso la manovra deve partire dal basso con i tre centrali, mentre in precedenza giocavamo sui tre d’attacco…”.

GLI OBIETTIVI. Dall’alto della sua esperienza, Rainone non tarpa le ali della Turris: “Numeri alla mano, siamo al quarto posto e nessuno può smentirlo. Vero è che ci sono vari recuperi in ballo che potrebbero stravolgere la classifica, ma se continuiamo così possiamo arrivare ai playoff. Sappiamo che l’obiettivo è la salvezza, pertanto prima la raggiungiamo e prima otteniamo la giusta tranquillità per aumentare le ambizioni. La strada è ancora molto lunga, ora ci attende un trittico molto tosto, che ci dirà ulteriormente chi siamo”.

LE VARIANTI IMPREVEDIBILI. Rainone non nasconde le difficoltà determinate dall’attuale momento storico e dall’emergenza sanitaria: “Le apprensioni non mancano, soprattutto quando emergono contagi nella tua stessa squadra o in quella che stai per affrontare. Cerchiamo di essere molto prudenti anche fuori dal campo, cercando di uscire il minimo possibile per salvaguardare la nostra famiglia e la stessa squadra. A tal proposito, dobbiamo essere bravi a non staccare la spina e a non farci condizionare da questa situazione. Non è affatto semplice adeguarsi, ma la squadra che ci riesce porta a casa maggiori punti”.