TUTTO E' - Ciccio Esposito: "La Turris riscrive la storia. Contento per Fabiano..."

14.06.2020 06:57 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Fonte: Tutto E' (Nello Giannantonio)
TUTTO E' - Ciccio Esposito: "La Turris riscrive la storia. Contento per Fabiano..."

In barba alla fama di personaggio schivo e “sulle sue”, Ciccio Esposito, dalla città adottiva Firenze, saluta il ritorno in C della Turris con sentita partecipazione.

“Sono veramente contento - ci dice con tono squillante al telefono subito dopo la ratifica della promozione da parte del Consiglio federale -. Da troppi anni la piazza aspettava di tornare nel professionismo. Io di Torre del Greco conservo un ricordo bellissimo, mi piacevano tanto le partite in casa sempre con tanta gente sugli spalti. Faccio veramente i miei sinceri auguri alla dirigenza, ai tifosi e, se mi consentite, in particolar modo a Franco Fabiano. Era con me a Nola, allenava le giovanili. Un tecnico valido, l'ho sempre seguito, seppur a distanza, in questi decenni più che anni. Lo meritava”.

Esposito, nel giugno del '97, era stato l'ultimo tecnico a portare la Turris in serie C1 attraverso i playoff, categoria cui oggi è equiparabile la C unica. Quell'anno avevo una squadra di grandi uomini e grandi calciatori, l'ho sempre detto. Mezza rosa la portai io, un'altra metà la trovai. Facemmo benissimo ed ero convinto che, in finale, avremmo battuto il favorito Benevento. Sarei anche restato l'anno dopo a Torre, ma subentrarono certe dinamiche sulle quali preferisco non tornare. Sono rimasto in contatto con diversi calciatori, il direttore Felicio Ferraro lo vedo sempre quando scendo a Torre Annunziata per qualche toccata a fuga, mentre gli Acampora non mi è capitato di rivederli ma i rapporti sono buoni. Anzi, mi è restato il rammarico di non aver vinto anche alla seconda esperienza a Torre del Greco, nel '98-99, quando a Messina, nel ritorno della semifinale playoff, praticamente ci buttarono fuori. È vero che era una Turris diversa dal '97: la presi in corsa e aggiustammo un po' di cose, ma avremmo potuto vincere anche quella volta. Purtroppo, in Sicilia, ci aggredirono prima della gara, poi non ci diedero un rigore su Dell'Oglio… Fa parte del passato, della storia - conclude Ciccio Esposito -. La storia che oggi questa Turris riscrive e, credetemi, ne sono davvero felice”.