TUTTO E' - Aria di rifondazione in avanti: Longo e la Turris ai saluti!

24.05.2021 08:08 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Fonte: Tutto E'...
TUTTO E' - Aria di rifondazione in avanti: Longo e la Turris ai saluti!

Anche il calcio non si sottrae ad andamenti ciclici, che nascono, raggiungono il massimo compimento e poi si esauriscono. Una legge non scritta, che sembra determinare anche l’imminente fine del grande matrimonio tra Fabio Longo e la Turris. Il capitano corallino, infatti, è in scadenza di contratto, ma la società a quanto pare non sembrerebbe orientata ad offrirgli il rinnovo. L’orientamento del club di Antonio Colantonio, qualora non dovessero concretizzarsi gli ultimi interessamenti all'acquisto della società, è quello di attuare una vera e propria rifondazione nel reparto offensivo biancorosso, che presumibilmente verrà costruito intorno alla figura di Luca Giannone, unica punta praticamente certa della riconferma.

Pertanto, appare giunto alle battute finali uno dei rapporti più duraturi non solo della gestione Colantonio ma dell’intera storia della Turris, dato che Fabio Longo ha vestito la casacca corallina per ben tre stagioni consecutive, indossandone tra l’altro la fascia di capitano ininterrottamente. Nelle prime due il bomber di Frattamaggiore ha trascinato la squadra nei quartieri alti della classifica a suon di gol, pesanti ed anche di pregevole fattura, tra acrobazie e rovesciate varie, finendo di diritto nella lista dei migliori cannonieri della storia biancorossa, piazzandosi al quinto posto con 82 reti in 47 partite (suddivise tra campionato e coppa Italia). 

La promozione in serie C è stata la ciliegina che ha ulteriormente consolidato il connubio tra Fabio Longo e la Turris, oltre che con il presidente Colantonio, tale da non mettere assolutamente in discussione la sua conferma nel primo anno del ritorno tra i professionisti, atteso un ventennio circa. Categoria che lo stesso Longo non calcava da oltre dieci anni, avendo preferito affermarsi come il re del gol nei Dilettanti, anche per rimanere vicino agli affetti personali. Tuttavia, contrariamente alle aspettative e progetti iniziali, secondo i quali Longo doveva essere il punto di riferimento dell’attacco corallino, il suo ritorno in terza serie, invece, si è rivelato abbastanza tormentato. Complici un fastidioso infortunio prima dell’inizio del campionato, lo stop per il Covid nella parte finale ed in generale un faticoso adattamento ad una categoria molto più fisica della serie D. 

Alla fine Longo ha centrato solo 3 gol in 27 presenze. Per trovare un bottino peggiore bisogna tornare nel lontano 2010, quando vestiva la maglia dell’Aversa Normanna. Un rendimento insolito per un cannoniere abituato alla doppia cifra, che però non ha scalfito la sua immagine agli occhi dei tifosi, i quali gli hanno riconosciuto anche l’assunzione di pesanti responsabilità nei momenti più complicati della stagione. 

Ora per Longo potrebbero aprirsi le porte di una nuova sfida, magari ritornando proprio nella categoria dove si era affermato come il bomber per eccellenza...