Turris, senza guizzi: l’Avellino passa in scioltezza!

24.01.2021 19:35 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Turris, senza guizzi: l’Avellino passa in scioltezza!

Inizia con una sconfitta il girone di ritorno della Turris. I corallini cadono al Liguori contro l’Avellino al termine di una gara senza grossi rimpianti, ma con la sensazione di non essersi giocati tutte le armi a disposizione per sovvertire il pronostico contro i quotati lupi, sempre più terza forza del girone C. Approccio apparso timoroso da parte degli uomini di Fabiano: lecito e giustificato il baricentro basso per non concedere spazio agli ospiti, ma l’attesa dei biancorossi si rivela un po’ passiva e priva di quella caratteristica che aveva permesso loro di avere la meglio anche contro compagini superiori, vale a dire la ripartenza ragionata. Nella prima mezz’ora, infatti, i corallini non riescono mai a proporsi nella metà campo avversaria ed il vantaggio di Silvestri è la normale conseguenza dopo un crescendo di tentativi verso la porta di Abagnale.

Senza Giannone, la Turris appare troppo piatta e di facile lettura per gli avversari. Signorelli alza la testa ma spesso predica nel deserto, con Franco e Tascone che non riescono a garantire un’assistenza concreta in fase di possesso. Tra l’altro, c’è da tamponare un’emorragia a sinistra, con Esempio in difficoltà su Ciancio, alla quale mister Fabiano prova a rimediare invertendo gli esterni. Ma con Da Dalt sull’out mancino, la Turris finisce per perdere ulteriore respiro offensivo sulle fasce e ad inizio ripresa l’unico grattacapo è creato da una sortita personale di Pandolfi, apparso però abbastanza compassato per gran parte del match. Poi un’ingenuità del neo entrato Romano, che propizia il rigore del 2-0 siglato da Maniero, mette presto la parola fine su una partita in cui i biancorossi sembrano venuti meno, prim’ancora che sul piano tecnico-tattico, proprio su quello dell’intensità, peccando forse di un eccessivo rispetto reverenziale nei confronti del team di Braglia. 

Per ripetere le imprese dell’andata e, soprattutto, per portare a casa quanto prima la salvezza, per la Turris urge ritrovare lo spirito guerriero sin dal prossimo impegno contro la Virtus Francavilla, che si preannuncia una battaglia sotto tutti i punti di vista. Dietro affilano i denti, meglio calarsi subito nella parte: questo girone di ritorno sarà una guerra per tutti!