Turris, il primo match point salvezza con l'incognita Covid. Debutto in vista tra i pali, panchina cortissima ma formazione titolare "quasi" intatta...

11.04.2021 12:01 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Turris, il primo match point salvezza con l'incognita Covid. Debutto in vista tra i pali, panchina cortissima ma formazione titolare "quasi" intatta...
© foto di Salvatore Varo

Tra Covid e acciacchi vari, tuttavia la Turris può tirare un piccolo sospiro di sollievo, dato che, secondo le ultime indiscrezioni, le defezioni maturate nell’ultima settimana non dovrebbero riguardare gran parte degli elementi che negli ultimi tempi hanno figurato nella formazione titolare dei corallini. A fronte di una panchina che si annuncia cortissima, rimpinguata da vari innesti dalla Primavera, l’unica grande eccezione tra i "titolarissimi" dovrebbe essere costituita dal portiere, dato che saranno indisponibili sia Abagnale che Lonoce. Pertanto, aumentano sensibilmente le probabilità di un esordio stagionale tra i pali per il classe ’99 Simone Barone, fin qui mai utilizzato. Per il resto, non si prevedono stravolgimenti radicali rispetto alle ultime uscite, con Longo e Boiciuc in lizza per un posto al centro dell’attacco. Presenza pressoché certa per i vari Lorenzini, Franco, Giannone e Franco. Mentre sulla destra potrebbe ritornare dall’inizio Ferretti, dopo l’assist di domenica scorsa contro il Teramo.

Gara nella quale i corallini hanno poco da perdere, visto che tra pareggio e sconfitta cambierebbe poco, rimandando il discorso salvezza alla domenica successiva. Ciò che, invece, marcherebbe già oggi una netta la differenza, sarebbero i tre punti contro la Ternana. Visto che, contestualmente ad una mancata vittoria della Paganese in quel di Monopoli, sancirebbero la salvezza matematica dei biancorossi con ben tre giornate d’anticipo.