TURRIS, IL PAGELLONE ALLA SOSTA: Rainone e Giannone i pilastri, Pandolfi e Franco le grandi esplosioni. L'unico vero flop è Sandomenico!

27.12.2020 16:12 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
TURRIS, IL PAGELLONE ALLA SOSTA: Rainone e Giannone i pilastri, Pandolfi e Franco le grandi esplosioni. L'unico vero flop è Sandomenico!
© foto di Salvatore Varo

Consueto pagellone della Turris di questa prima parte di stagione, arrivata al giro di boa con la sosta natalizia...

PORTIERI

ABAGNALE 6,5: salvo qualche sporadica défaillance, tra i pali si rende artefice di interventi importanti. Può ancora migliorare sulle uscite per diventare una certezza importante per la categoria.

LONOCE E BARONE SV: mai impiegati finora.

_____________________

DIFENSORI

DI NUNZIO 6,5: fa valere tutta la sua esperienza in una categoria nella quale ha militato per tanti anni e che ha ritrovato dopo il biennio in serie D con la Turris.

RAINONE 7,5: rendimento sempre alto e costante. Non sbaglia una partita. Tra i leader indiscussi non solo del reparto arretrato ma dell'intero organico.

LORENZINI 6,5: ad inizio stagione parte come alternativa affidabile, poi diventa titolare inamovibile con il passaggio alla difesa a 3. Prestazioni sempre più che sufficienti, nonostante qualche errore che paga a caro prezzo tra Foggia e Ternana.

LAME 6: la Turris scommette su di lui, nonostante i quasi due anni d'inattività. Ma la risposta data contro Teramo e Ternana è convincente. Lascia ben sperare in ottica futura...

ESEMPIO 7: non subisce l'impatto con la categoria, dimostrandosi elemento più che affidabile anche in terza serie. Evidenzia ancora ampi margini di miglioramento.

LORETO 6: titolare ad inizio campionato, perde minutaggio con il cambio modulo. Ma tutto sommato non commette errori particolari.

D'IGNAZIO 6: poco spazio per lui, ma quando è chiamato in causa non demerita.

D'ALESSANDRO E D'ORIANO SV: quasi mai impiegati per poter esprimere un giudizio.

_____________________

CENTROCAMPISTI

SIGNORELLI 6: paga un po' la ruggine del biennio precedente, nel quale non era riuscito ad avere continuità di rendimento, oltre che le grosse aspettative derivanti dal curriculum illustre. Salta cinque partite per infortunio, ma nel complesso con lui in campo la Turris gira e permette lo schieramento di Franco in una posizione più offensiva. All'attivo 11 presenze e due assist.

FRANCO 7,5: tra le piacevoli scoperte della nuova Turris formato serie C. In D aveva già lasciato intravedere le sue enormi potenzialità, ma nel contesto professionistico sono letteralmente esplose, divenendo uno dei centrocampisti più interessanti della serie C. Tre gol più tre assist e la sensazione che da mezzala può essere ancor più devastante.

ROMANO 6,5: tra i più impiegati da mister Fabiano. Non sempre appariscente, ma tanto lavoro oscuro a servizio dei compagni, condito da due reti e un assist.

TASCONE 6,5: all'inizio trova spazio solo da subentrato, poi diventa un altro pilastro della Turris con il passaggio al centrocampo a 5. Distrugge e ricuce, una "lavatrice" di palloni.

DA DALT 7: schierato da quinto a destra, nel suo ruolo naturale, dimostra tutto il suo valore e diventa uno degli elementi imprescindibili di questa Turris.

FABIANO 6: prezioso lavoro da tappabuchi all'occorrenza, sia in mezzo al campo che da esterno.

BRANDI, ESPOSITO E MARCHESE SV: pochi minuti per mettersi in mostra.

_________________________

ATTACCANTI

GIANNONE 7,5: cinque reti pesantissime per la classifica della Turris, molte delle quali di pregevole fattura. I suoi gol, insomma, non sono mai banali e ricordano le gesta di un altro numero 10 amato dai tifosi corallini negli ultimi anni di serie C, vale a dire un certo Maurizio Rizzioli.

PANDOLFI 8: la maggiore sorpresa di questa Turris, l'acquisto senza dubbio più azzeccato. In poco tempo si dimostra uno dei talenti più importanti della terza serie, trascinando i corallini a suon di reti e progressioni esplosive. Deve migliorare ancora tanto, ma sembra avere i colpi da predestinato del grande calcio. Nel frattempo, è già capocannoniere della Turris con 6 reti all'attivo e uomo mercato, adocchiato da tante compagini di categoria superiore.

LONGO 5,5: situazione particolare e paradossale per il bomber corallino, che nell'ultimo biennio aveva messo a segno più di 40 reti. In estate la Turris decide di puntare sul 4-3-3 e di costruire l'attacco attorno a lui, tanto da mollare la presa sul sogno Castaldo. Ma il capitano biancorosso rimedia un serio infortunio alla caviglia e al suo rientro ritrova una squadra profondamente trasformata nella fisionomia, con un assetto che non sembra sposarsi a pieno con le sue caratteristiche. Totalizza 11 presenze e una sola rete, di cui solo 4 da titolare.

PERSANO 5,5: parte bene, ma presto il suo rendimento viene condizionato da problemi muscolari che non gli permettono di incidere granché sui risultati della squadra.

ALMA 6: rientra a Palermo dopo il grave infortunio estivo e sigla subito l'assist per l'impresa al Barbera. Voto di stima e di incoraggiamento, avendo le qualità per imporsi anche in serie C.

SANDOMENICO 4,5: l'unico grande mistero di questa prima parte di stagione della Turris. Viene impiegato pochissimo da mister Fabiano, racimolando solo pochi scampoli di match, senza mai lasciare il segno.

_______________

ALLENATORE

MISTER FABIANO 7,5: finora ha svolto un grandissimo lavoro. C'è tanto del suo in questa Turris al di sopra di ogni più rosea aspettativa, dimostrando buon senso e flessibilità nel rivedere alcuni dei suoi dogmi tattici, rinunciando al fidato 4-3-3 per arrivare alla definitiva consacrazione col 3-5-2, modulo che ha esaltato le caratteristiche della sua squadra e mascherato parte dei suoi limiti. Un rendimento ancor più importante se si tiene in considerazione anche il ricorso al minutaggio giovani, che frutta un ritorno economico notevole per le casse del club, valorizzando elementi del calibro di Pandolfi, Abagnale, Esempio, Franco ecc..