Turris, è il grande giorno: la fine di un incubo, l'inizio di una nuova era...

08.06.2020 00:00 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Turris, è il grande giorno: la fine di un incubo, l'inizio di una nuova era...

Il conto alla rovescia si è esaurito, la clessidra si è svuotata, il tempo si è fermato. Oggi, 8 giugno 2020, è il grande giorno per la Turris e per tutta Torre del Greco, quello che dovrebbe riportare ufficialmente i corallini tra i Professionisti dopo 19 lunghissimi anni. Un arco di tempo smisurato, che ha visto tanti cambiamenti nella città alle pendici del Vesuvio, che tuttavia non ha mai smarrito la speranza di un rilancio sotto tutti i punti di vista, che potesse essere veicolato proprio dal calcio, che per i torresi non è mai stato soltanto un semplice sport, bensì una forma di appartenenza e ricongiungimento con il proprio territorio, anche quando le circostanze economiche-professionali ne determinavano una sofferta separazione.

Oggi è il giorno in cui finisce un incubo iniziato in quel di Tricase, dopo 30 anni ininterrotti di storia e grande calcio, è l'inizio di una nuova era. Di un'era in cui la Turris e Torre del Greco tornano a sedersi al tavolo delle grandi, del calcio che conta, questa volta per non abbandonarlo più.

Un intero ecosistema corallino attende la tanto attesa ratifica da parte del Consiglio Federale odierno (start previsto per le ore 12), per riappropriarsi di un sogno tenuto in soffitta per troppi lustri, quello di una città posizionata tra il Vesuvio ed il mare, popolata da gente che non sa mollare!