Primicile: "Campionato in linea con gli obiettivi, valorizzando i nostri giovani. Mercato? Eventuali ritocchi solo per il futuro. Tante richieste per Pandolfi..."

28.11.2020 11:20 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Fonte: TuttoC.com
Primicile: "Campionato in linea con gli obiettivi, valorizzando i nostri giovani. Mercato? Eventuali ritocchi solo per il futuro. Tante richieste per Pandolfi..."
© foto di Salvatore Varo

Una vittoria di platino per la Turris conquistata mercoledì al Barbera contro il Palermo, campani che continuano a sorprendere portandosi al quarto posto da neopromossi. A tal proposito, ai microfoni di TuttoC.com, è intervenuto il direttore generale del club Rosario Primicile.

In una nostra intervista dello scorso settembre disse: "Non saremo una vittima sacrificale, proveremo a giocarcela con tutti". Previsione azzeccata?
"Sono stato un buon profeta. Sicuramente, per dire questo, conoscevo la forza dei miei ragazzi che conoscevano in pochi. Sapevo che potevamo fare questo campionato, bisogna però volare bassi perché l'obiettivo è ancora molto lontano".

Si aspettava la vittoria di Palermo?
"Avevo detto che nelle ultime due partite mi aspettavo quattro punti che poi sono arrivati".

Come giudica fin qui il vostro campionato?
"Stiamo facendo un campionato in linea con i nostri obiettivi. La cosa bella è che stiamo mettendo in evidenza dei ragazzi che erano sconosciuti fino a qualche mese fa, vedi Pandolfi, Abagnale, Marchese".

Si parla tanto di Pandolfi, sono arrivate delle richieste?
"Abbiamo avuto più di qualche proposta, anche dalla Serie A si sono mossi. E' un ragazzo che è sprecato in questa categoria".

Sul gong del mercato estivo saltò l'operazione Montero, a gennaio ci proverete sempre per un centravanti?
"Ad oggi parlare di mercato è difficile, da qui a gennaio ci sono tante partite da giocare. E' prematuro, se dovessimo fare qualche entrata sarà anche per il futuro e non solo per l'immediato".

La forza di questo gruppo è rappresentato anche dalle tante conferme dei calciatori reduci dalla D?
"Sono ragazzi di società, hanno accettato la società Turris e la città. Abbiamo qualche contratto in scadenza ma basta poco per riconfermarli perché sono veramente legati a questa piazza".

In tanti pensavano ad un'ipotesi di sospensione del campionato che adesso sembra scampata, da che parte sta la Turris?
"Sinceramente tutto iniziava a far riflettere, adesso stanno saltando meno partite e si potrà andare avanti fino alla fine. Non è un campionato falsato ma è soltanto un campionato diverso".

Sperando non si ripetano gli episodi come il vostro a Palermo nel mese di ottobre.
"In quell'occasione feci uno sfogo, non era una critica contro nessuno ed era evidente la problematica. Dopo la modifica del protocollo si può affrontare meglio e prima il problema".