FIGC, svelato il piano di riforma dei campionati: "Via la serie C, più poteri alla A..."

07.02.2024 16:04 di Vincenzo Piergallino   vedi letture
FIGC, svelato il piano di riforma dei campionati: "Via la serie C, più poteri alla A..."
TUTTOmercatoWEB.com

Meno squadre, più controlli, retrocessioni ridotte. La Figc del presidente Gravina da mesi prepara la sua proposta. Adesso però non si tratta più di indiscrezioni: c’è un documento ufficiale. Un piano strategico, elaborato da Deloitte e rilevato da Il Fatto Quotidiano. Il punto di partenza è il numero di squadre: oggi sono troppe. Il taglio però sarà solo da 100 a 80, intervenendo esclusivamente sulla Serie C, che perderebbe un girone e sarebbe la vittima sacrificale, cancellata anche come entità politica (addio Lega Pro, accorpata alla Serie B). Questo per dare più potere alla Serie A: continuerà a valere il 12%, ma con un 6% attribuito al calcio femminile (le proprietà spesso sono le stesse) di fatto arriverebbe al 18% (le altre: Serie B 12%, Dilettanti 30%, calciatori 19%, allenatori 9%, arbitri 2%). La Figc, insomma, sembra aver fatto retromarcia sulla Serie A a 18 squadre, idea che pure troverebbe sponda nelle big ma divisiva.

La questione più urgente è la revisione dei requisiti economico-finanziari, in un campionato dove spesso si gioca coi conti truccati. La promessa è “criteri più stringenti” per l’iscrizione: bisogna vedere se la Figc avrà il coraggio di mantenerla, specie applicando subito le novità, con solo una stagione di transizione. Controlli Covisoc raddoppiati (da 2 a 4 l’anno) ed estesi al budget. E poi non solo il famoso indice di liquidità, ma nuovi parametri sul patrimonio netto (dovrà per forza essere positivo: oggi quello del Benevento non lo è, ndr) e persino sul risultato d’esercizio, con perdite da ripianare entro quattro mesi.