Caneo: "Tanti errori sotto porta, così non sfruttiamo quanto seminato. Col senno di poi avrei messo un difensore in più..."

19.09.2021 18:46 di tuttoturris .com   vedi letture
Fonte: Andrea Liguoro - Tuttoturris.com
Caneo: "Tanti errori sotto porta, così non sfruttiamo quanto seminato. Col senno di poi avrei messo un difensore in più..."

Turris battuta in casa dal Picerno e così, dopo quella con il Monopoli, per i corallini arriva la seconda sconfitta consecutiva tra le mura amiche: “La disamina di questa partita è presto fatta – commenta Caneo a fine gara-. La partita l’avete vista tutti ed abbiamo visto anche la condotta di certe persone che dovrebbero essere equilibrate. Al di la di questo, gli errori nostri sono tanti e soprattutto sotto porta. Non abbiamo raccolto per quello che abbiamo seminato, la stessa storia di inizio campionato. C’è rammarico perché la squadra lavora bene, si propone bene, arriva dentro l’area e finalizza male. È un momento che non riusciamo a concretizzare bene quelle due-tre palle che su sette-otto creiamo e quindi la squadra dopo soffre. Forse è anche colpa mia, negli ultimi dieci minuti anziché mettere un’altra punta, Pavone, potevo mettere un altro difensore e chiuderla con un pareggio, ma volevo vincerla perché ero sicuro che ce l’avremmo fatta visto l’andazzo della partita”.

Il discorso cade inevitabilmente sul reparto offensivo che non riesce a concretizzare le occasioni create:La proposta offensiva è buona ed è giusta – spiega ancora Caneo-, dobbiamo essere più cattivi e decisi sotto porta, dobbiamo finalizzare la mole di lavoro che fa la squadra, perché la squadra lavora tantissimo e prepara bene le situazioni che però non vengono finalizzate. Cosa si fa? Si lavora, si va avanti, con umiltà si prende un discorso tecnico individuale e vediamo cosa succede”.

Ancora sul problema del reparto offensivo:Santaniello più lontano dalla porta? È un suo movimento per prendere spazio e per ricevere palla. Le tre punte in avanti devono chiaramente collaborare di più tra loro. In area portiamo parecchia gente, però non riusciamo a finalizzare”.

Sulla sostituzione Franco – Bordo, invece, il tecnico spiega che “serviva un centrocampista più leggero, più dinamico, che facesse giocare un po' più la squadra”.

Non sono mancate le critiche nei suoi confronti al triplice fischio, ma Caneo resta tranquillo: “Quando perdi è chiaro che l’unico responsabile è l’allenatore, ma possono fischiare, io sono sereno. Lavoro tutta la settimana con i ragazzi, so quali sono i pregi e quali i difetti da eliminare, poi la gente viene qui, paga e fischia perchè non è contenta, è normale”.