Caneo: "Risultato bugiardo, ma non possiamo regalare gol. Attaccanti a secco? Devono trovarsi di più. Sui cambi..."

05.09.2021 21:33 di tuttoturris .com   vedi letture
Fonte: Andrea Liguoro - Tuttoturris.com
Caneo: "Risultato bugiardo, ma non possiamo regalare gol. Attaccanti a secco? Devono trovarsi di più. Sui cambi..."

Sconfitta all’esordio casalingo in campionato. Comincia male il cammino della Turris al “Liguori”, battuta da un Monopoli abile a sfruttare gli errori dei corallini ad inizio partita (clamoroso quello di Perina): “Sono contento della reazione della squadra – mister Caneo guarda il bicchiere mezzo pieno-. È un risultato bugiardo che non premia quanto fatto dalla squadra in campo. Nel primo tempo ci siamo presentati quattro volte avanti al portiere con Varrutti e a tre metri dalla porta siamo riusciti a tirare fuori. Questi sono segnali che non puoi regalare gol, che non puoi partire con una marcia ridotta, ma bisogna cominciare subito forte. C’è anche da dire che in difesa giocavano gli unici tre che insieme non avevano mai giocato. Ci sono delle attenuanti, però le attenuanti non ti fanno crescere e quindi dobbiamo fare mea culpa, prenderci le nostre responsabilità e giocare fin dall’inizio, senza regalare nessun tempo all’avversario”.

Caneo reclama anche per un rigore non concesso:Su due episodi, uno era rigore. Dar la colpa all’arbitro non serve, però se ci da rigore contro in modo dubbio, ci deve dare anche un rigore che c’è e mi riferisco a quello su Pavone sul quale c’è stata ostruzione e quindi un danno procurato. Magari lo sbagliavamo anche noi, però se il rigore lo dai come lo hai dato prima…”.

Un passo indietro rispetto alla gara di Taranto? “No - commenta il tecnico-. Assolutamente. La prestazione c’è stata, non era facile moralmente ribaltare una situazione negativa nel punteggio, però la squadra ha cercato di farsi coraggio e di giocare. Abbiamo messo Varrutti a tre metri dalla porta per quattro volte e per quattro volte ha tirato fuori”.

Turris, però, che come a Taranto ha palesato una certa difficoltà nel concretizzare le azioni offensive: La poca incisività in attacco? In questo caso non credo sia un problema di poca brillantezza, ma tecnico – spiega Caneo-. Non riusciamo a fare reparto, c’è bisogno che gli attaccanti si cerchino di più, si trovino di più, scambino di più e si muovano meglio. Questa è una nostra prerogativa. Anche perché con il gioco che facciamo, gli altri sette della squadra fanno il "gioco sporco" per agevolare gli attaccanti e portargli la palla sulla trequarti. Devono trovarsi di più e finalizzare meglio, giocando con più serenità, senza l’assillo di dover dimostrare per forza qualcosa tutte le volte che prendono la palla”.

Incisività che ad un certo punto Caneo ha cercato con l’inserimento di Longo al posto di Santaniello: “Mi serviva una punta centrale che attaccasse di più lo spazio – Caneo motiva così la sostituzione -. Santaniello aveva dato tutto, quindi ho ritenuto opportuno far entrare Longo che infatti mi ha dato più vivacità e ha dato più fastidio agli avversari”.

Caneo analizza anche la prestazione della mediana che oggi recuperava Franco, schierato dal primo minuto: Il centrocampo è andato bene, ha palleggiato, fatto girare la palla in modo produttivo. Sono contento dal punto di vista della manovra, mancavano quei meccanismi che eravamo abituati a fare visto che c’era della gente nuova che giocava per la prima volta, però non deve essere un’attenuante, ma un principio di gioco a confermare i nostri miglioramenti”.

Il tecnico corallino, infine, guarda alla prossima partita (sabato sera) quando i corallini saranno di scena a Foggia: “Smaltiamo la delusione per questa sconfitta che non è giusta, ma nel calcio ci sta. Avremo modo di pensare alla partita con il Foggia e allo stesso tempo valutare le condizioni di Franco, però riavremo Ghislandi e speriamo di recuperare Esempio”.