Pubblico negli stadi: ufficiale green pass e capienza al 50%. Ma la maggior parte degli impianti si ferma al 33%...

25.07.2021 12:50 di Vincenzo Piergallino   vedi letture
Pubblico negli stadi: ufficiale green pass e capienza al 50%. Ma la maggior parte degli impianti si ferma al 33%...
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Beffa per la maggior parte dei club italiani. Il Governo ha deliberato l'apertura degli stadi solo al 50% della capienza e con l'esibizione del green pass. Non solo. Nel Dpcm di Palazzo Chigi c'è scritto che all'interno degli impianti va mantenuta una distanza di almeno un metro. Ciò porta ad una riduzione sensibile e ulteriore dei posti dedicati al pubblico. I seggiolini, riporta l'edizione odierna di Tuttosport, sono molto vicini e per mantenere tale distacco fra uno spettatore e l'altro è necessario lasciare vuoti almeno due posti. La capienza effettiva, quindi, scenderebbe al 33% per la maggior parte degli stadi italiani, includendo anche quelli delle categorie inferiori.

Secondo il quotidiano sportivo, il Presidente della FIGC Gravina e quello della Serie A, Dal Pino, hanno iniziato a lavorare affinché venga rivista la norma del metro di distanza e quindi venga garantito, effettivamente, l’accesso al 50% del pubblico tramite il green pass.

Ecco il testo integrale dell’ultimo DPCM: “In zona bianca e in zona gialla, gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali o spazi anche all'aperto, sono svolti  esclusivamente con posti a sedere preassegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto  della distanza interpersonale di almeno un metro, sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi,  sia  per  il  personale, e l'accesso e' consentito esclusivamente ai  soggetti  muniti  di  una delle certificazioni verdi COVID-19 di cui all'articolo 9,  comma  2…       

…Le misure di cui al primo periodo del comma 1 si applicano anche per la partecipazione del  pubblico  sia agli  eventi  e  alle competizioni  di  livello  agonistico  riconosciuti   di   preminente interesse nazionale con provvedimento del Comitato olimpico nazionale italiano  (CONI)  e  del   Comitato   italiano   paralimpico   (CIP), riguardanti gli sport individuali e  di  squadra,  organizzati  dalle rispettive  federazioni  sportive  nazionali,  discipline   sportive associate, enti di promozione sportiva ovvero da  organismi  sportivi internazionali sia agli eventi e alle competizioni  sportivi  diversi da quelli sopra richiamati. In zona bianca, la  capienza  consentita non puo' essere superiore 50 per cento di quella massima  autorizzata all'aperto e al 25 per cento al chiuso. In zona  gialla  la  capienza consentita non puo' essere  superiore  al  25  per  cento  di quella massima autorizzata e, comunque, il numero massimo di spettatori non puo' essere superiore a 2.500 per gli impianti all'aperto e  a  1.000 per gli  impianti  al  chiuso.  Le  attivita'  devono  svolgersi  nel rispetto delle linee guida adottate dalla  Presidenza  del  Consiglio dei ministri - Dipartimento per  lo  sport,  sentita  la  Federazione medico sportiva italiana, sulla base di criteri definiti dal Comitato tecnico-scientifico. Quando non e' possibile assicurare  il  rispetto delle  condizioni  di  cui  al  presente comma,  gli  eventi  e  le competizioni sportivi si svolgono senza la presenza di pubblico…”.