Le pagelle di Bisceglie-Turris: Giannone spietato. Sicurezza Lorenzini, delude ancora Signorelli!

11.10.2020 23:41 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Le pagelle di Bisceglie-Turris: Giannone spietato. Sicurezza Lorenzini, delude ancora Signorelli!

Le pagelle di Bisceglie-Turris…

ABAGNALE 6: balbetta solo su un’uscita nel finale, ma per il resto si occupa di ordinaria amministrazione, visto che il Bisceglie calcia solo una volta nello specchio della porta.

ESEMPIO 6: tiene la posizione dietro e prevale nel duello con Mansour, pur sbagliando qualche disimpegno.

RAINONE 6,5: sempre sul pezzo, contro lo sbarbatello Vitale ha vita facile. 

LORENZINI 7: preferito ancora a Di Nunzio, si conferma titolare aggiunto.

LORETO 6+: nel primo tempo sfiora il gol di testa, bada più al contenimento nella seconda frazione.

SIGNORELLI 5: evidenzia un eccesso di leziosità, che la Turris pagherebbe a caro prezzo contro avversari più quotati. Lecito aspettarsi molto di più dal suo curriculum (dal 34’st DI NUNZIO sv).

FRANCO 6: non può sfornare eurogol ad ogni partita, ma riesce a mettere comunque lo zampino nel gol del vantaggio, scaturito da un suo cross.

FABIANO 5.5: un po’ in difficoltà nella prima frazione, soprattutto in fase di costruzione (dal 14’st ROMANO 6: prova a lanciare qualche contropiede nella fase più complicata del match). 

DA DALT 6: seppur limitato a sinistra, dove è costretto a tornare sul destro per crossare, non fa mancare la gamba e garantisce alla squadra il solito equilibrio (dal 33’st TASCONE 6: porta un po’ di dinamismo nel momento di maggior spinta del Bisceglie).

PERSANO 6: sfiora il gol con un bel diagonale dal limite, prima di alzare bandiera bianca per infortunio (dal 28’st PANDOLFI 5,5: entra nell’azione del gol di Giannone, ma per il resto arriva poche volte alla conclusione).

GIANNONE 7: ben appostato quando si tratta di colpire, realizza un’altra rete pesantissima per l’economia del match. Killer! (dal 14’st SANDOMENICO 5: non riesce a mettersi in mostra).

ALL. FABIANO 6,5: la sua Turris si conferma maschia e tatticamente equilibrata, pur senza incantare in fase offensiva. Paga la scelta di dare fiducia a Lorenzini, meno la conferma di Signorelli in cabina di regia. Bada saggiamente al sodo e corona un inizio da sogno!