Caccia allo stadio - Da Avellino confermano: "Il Partenio salva la Turris. Ma si tratta solo di un utilizzo virtuale..."

21.07.2020 22:46 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Fonte: tratto da Irpinianews.it
© foto di Dario Fico/TuttoSalernitana.com
Caccia allo stadio -  Da Avellino confermano: "Il Partenio salva la Turris. Ma si tratta solo di un utilizzo virtuale..."

Anche da Avellino confermano la disponibilità dello stadio Partenio per la Turris, come riportato dal portale Irpinianews, che tra l'altro fornisce altri dettagli sull'operazione in dirittura d'arrivo con il comune irpino...

Sospiro di sollievo per la Turris dopo tanto tribolare anche fuori regione alla ricerca di un campo in deroga da inserire all’atto dell’iscrizione al torneo di Serie C 2020/2021. La società corallina infatti ha incassato in giornata la disponibilità del Comune di Avellino per l’utilizzo soltanto virtuale dell’impianto di Contrada Zoccolari.

Una trasferta proficua in terra irpina per il presidente Antonio Colantonio ed il sindaco di Torre del Greco Giovanni Palomba, che a Palazzo di Città hanno ricevuto il via libera per procedere nell’iter ora in discesa. Il prossimo passo sarà infatti rappresentato dall’ok della Prefettura per la licenza d’uso, quest’ultima pronta ad essere rilasciata senza che si riunisca la Commissione Provinciale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo istituita proprio a Palazzo di Governo in virtù dell’obbligo di disputa delle gare a porte chiuse. Il semaforo verde dovrebbe giungere già domani.

Dal canto suo la Turris ha garantito che si tratta di un mero adempimento burocratico richiesto dalla Licenza Nazionale. Il club torrese infatti otterrà l’omologazione del sintetico dello stadio “Liguori” non in tempo per la presentazione della documentazione necessaria alla Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi-Organizzativi della Figc (29 luglio), ma prima del via al campionato previsto il 27 settembre. Quanto basta per comprendere come il Partenio-Lombardi rappresenti soltanto una soluzione ‘paracadute’.

Dovrebbe averne bisogno invece la Casertana alle prese con l’installazione del nuovo manto in erba artificiale al “Pinto” non ancora iniziata. I falchetti disputerebbero ad Avellino soltanto le partite, dal momento che per gli allenamenti hanno stipulato una convenzione pluriennale con il Comune di Arienzo fresco di inaugurazione di un impianto con campo in sintetico.