Verso Teramo-Turris. Caneo: "In campo per vincere, senza tradire il nostro credo. Sul futuro..."

02.04.2021 18:25 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Fonte: Andrea Liguoro - Tuttoturris.com
Verso Teramo-Turris. Caneo: "In campo per vincere, senza tradire il nostro credo. Sul futuro..."

Turris a Teramo alla ricerca degli ultimi punti per la salvezza. Caneo, però, dalla trasferta in terra abruzzese cerca risposte che vanno oltre l’obiettivo stagionale: “Dobbiamo proseguire questa piccola mini serie di risultati positivi, continuare a lottare con questo tipo di mentalità, anche perché abbiamo visto che i mostri non sono mai così brutti come li dipingono. Andiamo a Teramo non pensando ai punti che mancano, ma per cercare di fare la nostra partita e raccogliere il massimo”.

Teramo in crisi di risultati, con gli abruzzesi scivolati dal terzo all’ottavo posto e la furia di patron Iachini contro i suoi dopo la terza sconfitta consecutiva: “Sono accuse di un presidente avvilito e deluso dagli ultimi risultati – commenta Caneo-. Però sappiamo che il Teramo è una squadra di categoria, di valore, che ha buona tecnica, che gioca bene a calcio ed è ben organizzata, quindi al di la delle conseguenze di un richiamo di un presidente, dobbiamo mettere in campo soprattutto la nostra mentalità ed il nostro modo di giocare a calcio per mettere in difficoltà una squadra che sulla carta è nei playoff.

Rosa quasi al completo ed ampia scelta per mister Caneo in questo anticipo dovuto alla Pasqua, come conferma lo stesso tecnico corallino: “Andiamo avanti con un’idea di calcio, il gruppo è al completo, quindi possiamo scegliere bene tra i ventiquattro”.

È una Turris che crea, ma che concretizza troppo poco le occasioni costruite: Come migliorare la fase realizzativa? Dobbiamo avere più cattiveria, essere più incisivi e determinanti al momento del tiro – afferma Caneo-. Però son contento di tutte le prestazioni che stiamo facendo e soprattutto della predisposizione che hanno i ragazzi a giocare a calcio cercando di impensierire gli avversari e non solo a subirli”.

Un focus, poi, su due degli attaccanti corallini:Longo sta meglio, sta recuperando una condizione fisica e mentale sempre migliore, di spirito è sempre gioviale e questo fa bene – commenta il tecnico di origini sarde-. Boiciuc ha delle buone qualità fisiche e tecniche. È chiaro che l’inserimento in un campionato ed in un ambiente nuovo non è facile perché ci sono difficoltà differenti. Volendo trovare un pelo nell’uovo, con il Catanzaro si è trovato al posto giusto nel momento giusto e non ha finalizzato come si doveva, però l’importante è che abbia senso del gol e della qualità del calcio”.

Il Consiglio Direttivo di Lega ha stabilito in settimana che, anziché disputare il turno infrasettimanale del quattordici aprile, l’ultima giornata di campionato slitta alla prima domenica di maggio (in precedenza era prevista per il venticinque aprile): “Scelta giusta – commenta Caneo- anche perché chi ha partite da recuperare deve farlo dentro il campionato e non alla fine del campionato, come invece era stato paventato. Facciamo di necessità virtù”.

Con la salvezza sempre più vicina, si potrebbe già azzardare qualche pensiero per la Turris che verrà? “Cerco solo di lavorare bene e di propormi come sono – risponde Caneo-. Provo a trasmettere ai ragazzi una mentalità che mi soddisfa per quello che so insegnare e tradurre in campo, poi quando la barca sarà in porto se ne riparlerà più tranquillamente ed in modo approfondito, perché parlarne senza salvezza acquisita mi sembra davvero aleatorio”.