Turris in vendita, la reazione istituzionale: "A prescindere dalla proprietà, il Liguori resterà sempre la casa dei corallini!"

08.05.2021 14:51 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Turris in vendita, la reazione istituzionale: "A prescindere dalla proprietà, il Liguori resterà sempre la casa dei corallini!"

Riceviamo e pubblichiamo lettera aperta del Presidente del Consiglio Comunale di Torre del Greco, Gaetano Frulio, indirizzata al presidente della Turris Antonio Colantonio...

Caro Antonio,

Ti scrivo quale Presidente del Consiglio Comunale, ma prima ancora come cittadino torrese e tifoso corallino, per dirti quanto mi dispiace aver appreso che sei intenzionato a lasciare la guida della Turris!

Con la Tua gestione fatta di cuore, sacrifici ed indubbie capacità imprenditoriali, la squadra ha onorato la città portandole in dono una promozione troppo a lungo agognata, anche considerato il nostro blasone calcistico.

Spero con tutto me stesso che ciò non accada e che, insieme, potremo ancora gioire per i nuovi e più ambiziosi traguardi a cui la nostra Amata vorrà ambire.

Se però dovessi effettivamente lasciare la guida della Società, Ti chiedo sommessamente di tranquillizzare gli interessati cosi ché possano programmare le attività sportive future con serenità, senza nessun timore riguardo l'utilizzo dello storico stadio Amerigo Liguori, perché questo è sempre stato la casa della squadra e continuerà ad esserlo, sempre!!!

Son certo spiegherai loro che TORRE DEL GRECO merita un progetto sportivo serio ed affidabile; solo così potranno godere del calore e del rispetto che la nostra Città riserva a chi la tratta con altrettanto rispetto e dedizione, così come è stato con Te.

Racconta di quanto è bella Torre in festa quando ottiene i grandi risulti a cui ci hai abituato, o come l'Ente, la Società, i Tifosi e tutto il sistema città abbia raggiunto in questi anni traguardi importanti lavorando e confrontandoci con lealtà ed abnegazione.

E' vero, nn sono mancati i momenti di tensione, giustificati però dall'importanza della posta in palio, così come non sono mancate le incomprensioni, prevedibili per chi ha compiti e responsabilità diverse, ma comunque abbiamo colto obiettivi di innegabile importanza che ora possiamo rivendicare con orgoglio. Sono certo che quando avrai detto loro degli oneri ed oneri che ben conosci non saranno certamente i complessi percorsi dell’attività amministrativa ad allontanarli dalla trattativa anzi, aiuterà i “pretendenti” a capire che se scegliessero di venire in una città importante come la nostra devono essere all’altezza del compito, poiché Torre del Greco sa dare tanto se lo si merita, ma sa anche essere terribile se la si vuole prendere in giro.

Per piacere, riferisci loro che la squadra e lo stadio sono una sola cosa non perché lo decidono affidamenti, gare, schemi, contratti o altro: NO!.... Sarà così perché lo vuole la CITTÀ, quella dei fiori, del corallo, delle tante eccellenze, ....della Turris.

Quella stessa città che chiede a chi dovesse subentrare di porre al centro del progetto prima il cuore, e poi tutto il resto, che dimostri di voler respirare con noi l'appartenenza alla storia e alla tradizione di TORRE DEL GRECO e della SUA squadra, esattamente come hai fatto Tu e come, sono certo, farai in modo sia garantito anche dall’eventuale nuova proprietà, anche perché una gestione importante come quella che abbiamo vissuto con Te ha diritto ad una degna successione.

Sinceramente
Gaetano Frulio