Metropolis - L'ex Maschio presenta Caneo: "Tecnico molto preparato e propositivo. Franco e Longo saranno le sue pedine chiave..."

25.02.2021 06:22 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Fonte: tratto da Metropolis (Bruno Galvan)
Metropolis - L'ex Maschio presenta Caneo: "Tecnico molto preparato e propositivo. Franco e Longo saranno le sue pedine chiave..."

Antonio Maschio è stato l’ultimo vice di Bruno Caneo quando entrambi erano sulla panchina del Rieti. Lo scherzo del destino ha voluto che il suo mentore venisse ad allenare la Turris, una squadra non indifferente all’ex centrocampista della Salernitana, come rivelato al Quotidiano Metropolis: “Sono molto legato a Torre del Greco perchè con la maglia corallina ho fatto l’esordio nei professionisti all’età di 17 anni. Fu Di Somma a lanciarmi nella mischia in un derby contro il Savoia al Liguori che perdemmo 1-0. Subentrai al posto di D’Ermilio”. 

Maschio rivela di aver sentito Caneo dopo il matrimonio con la Turris: “Ho detto al mister di essere andato in una piazza assetata di calcio, con grande passione e gente davvero splendida. Sono convinto che potrà avere un impatto positivo. E’ uno molto preparato, le sue squadre giocano sempre con il 3-4-3 in pieno stile gasperiniano. Negli allenamenti vuole che i suoi ragazzi vadano sempre a tremila all’ora. Predilige una manovra propositiva, fatta di continui cambi gioco continui e pressing a tutto campo. Se lasciato lavorare, credo farà divertire tutti i tifosi torresi”. 

Sui giocatori che potranno essere esaltati con la nuova gestione: “Il primo nome che mi viene in mente è quello di Daniele Franco. Secondo me sarà un punto cardine degli schemi del mister perché sarà colui che dovrà ribaltare l’azione con verticalizzazioni veloci e di prima. In avanti c’è Persano che è stato con noi a Rieti, ma secondo me chi avrà maggior spazio sarà certamente Fabio Longo, perchè ha le caratteristiche giuste. Caneo è uno che non guarda al passato, ma al presente. Predilige molto i giocatori tecnici e non guarda il curriculum di chi ha a disposizione: tratta tutti allo stesso modo”. 

Menzione anche per il tecnico uscente, Franco Fabiano“L’ho avuto con me ai tempi di Salerno. Quello che ha fatto Franco per la Turris resterà per sempre nella storia di questa società. Ricordo quando mi parlava di quel club, gli occhi diventavano lucidi e si emozionava soltanto al pensiero. Purtroppo il calcio è così e lui, da uomo navigato, lo sa molto bene. E’ stato esonerato secondo me non per demeriti, in fondo la squadra è in linea con gli obiettivi, ma perchè evidentemente c’era bisogno di una scossa per svegliare un po’ tutti”.