Il punto del ds Primicile: "Con Menichini la Turris è tornata ad essere squadra e padrona del suo destino. Sul mercato e sul futuro..."

28.03.2024 12:12 di Vincenzo Piergallino   vedi letture
Il punto del ds Primicile: "Con Menichini la Turris è tornata ad essere squadra e padrona del suo destino. Sul mercato e sul futuro..."

Intervenuto alla trasmissione “Tutti pazzi per il calcio", il ds della Turris Rosario Primicile ha fatto il punto della situazione in casa corallina, cominciando dalla svolta avvenuta con l’arrivo di Leonardo Menichini: “Se si cambia un allenatore, è perché qualcosa non è andato per il verso giusto. Vero è che, quando si prende una decisione del genere, la colpa non è mai esclusivamente del tecnico, ma nel calcio si sa che diventa la soluzione inevitabile per cercare di dare una sterzata alla stagione. Detto ciò, con Menichini la Turris è tornata ad essere una squadra, come lo era stato ad inizio stagione anche con Caneo. La base c’era già ma la società ha anche dato il via libera ad un intervento importante sul mercato di gennaio, che ha dato ulteriori opzioni al tecnico subentrante. La situazione societaria in quel momento implicava difficoltà enormi nell’operare. Nonostante ciò, siamo riusciti a portare a Torre del Greco giocatori di spessore per la categoria, probabilmente in uno dei momenti più difficili dell’era Colantonio”

Sulla volata salvezza: “La Turris deve badare solo al suo percorso, perché grazie agli ultimi risultati è tornata ad essere padrona del suo destino. Sappiamo che ci aspettano gare difficili, ma sono sicuro che con questo spirito possiamo centrare l’obiettivo. Alla fine tireremo le somme…”.

Sul futuro: “Fisiologicamente, i mesi invernali solo quelli emotivamente più stressanti per chi fa calcio, soprattutto quando i risultati non arrivano. Magari il raggiungimento dell’obiettivo con anticipo potrebbe riaccendere la passione nel presidente Colantonio. La speranza è che possa restare ancora al timone della Turris…”.