Fabiano sull'Avellino: "Debutto bello e difficile al Partenio. Degli irpini temo Braglia..."

18.09.2020 18:46 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Fonte: tuttoavellino
Fabiano sull'Avellino: "Debutto bello e difficile al Partenio. Degli irpini temo Braglia..."

Intervistato da Radio Punto Nuovo, il tecnico dei corallini, Franco Fabiano, ha parlato della gara con i lupi e delle aspettative della sua squadra. Queste le sue parole: "Stiamo lavorando molto, stiamo abbastanza bene a livello atletico e vogliamo dimostrare di non essere una meteora per la Lega Pro. Ci teniamo molto a far bene per la nostra gente che merita questa categoria, dopo anni di oblio. L'Avellino? Sarà un bell'esordio. Sarà una partita difficile, in Irpinia stanno facendo una grande squadra e hanno una garanzia come Piero Braglia, un maestro per la categoria. Di Salvatore Di Somma cosa c'è da dire, un grande direttore sportivo, un innamorato di quei colori, insomma, hanno tanti tasselli al posto giusto. Poi c'è la società che è ambiziosa, vuole tornare almeno in Serie B e quindi l'Avellino sarà una delle protagoniste. Stanno allestendo un organico molto competitivo, da battaglia, come si direbbe. Credo che possono essere lì a lottare per andare in Serie B"

Fabiano parla poi del difficile girone C: "Sarà un girone difficilissimo, ci sono 5-6 squadre che partono avanti a tutti, come Avellino, Bari, Ternana, Palermo, Monopoli, Catania. Ci sono partite difficili ogni domenica, tra derby e scontri diretti. E' un girone dove è bello cimentarsi ma dove è anche facile fare figuracce. Chi temo dell'Avellino? Su tutti mister Braglia, fa la differenza, è un fuoriclasse per la Lega Pro. La società non poteva scegliere di meglio. E' bello per me esordire proprio al Partenio. Sono un ex dei lupi. Ad Avellino ho iniziato ad allenare gli Allievi Nazionali, quando eravamo in Serie A, con Gino Corrado. Abbiamo lanciato tanti giovani. Sono stato due anni ad Avellino e li ricordo con immenso affetto. E' una piazza straordinaria. Poi ricordo la mia gioventù. Il campionato partirà? Non lo so, noi ci prepareremo per giocare, poi vedremo, penso che anche Braglia non penserà ad altro, ma preparerà la gara con noi, anche se c'è la Coppa Italia in mezzo. Da Dalt? Sarà una partita speciale anche per lui. Ha sempre parlato bene di Avellino, ha un ricordo stupendo, sarà bello per lui tornare al Partenio, peccato senza tifosi. Noi dobbiamo ragionare partita per partita senza correre. L'obiettivo è la salvezza e non dobbiamo disunirci. Ci saranno momenti complicati, ma non dobbiamo mollare. Ora siamo concentrati sull'Avellino, poi vedremo. Peccato che non ci saranno i tifosi al Partenio, sarebbe stato un gran bel derby, ci dispiace perchè i tifosi sono l'essenza del calcio". 

Infine una battuta sullo Stadio Liguori, che è stato protagonista di una querelle questa estate: "E' stata un'estate difficile. La querelle dello stadio ci ha un pò innervositi. Ora lo stadio è un gioiellino, siamo orgogliosi di giocare in un impianto del genere. Ringrazio Avellino che aveva dato la sua disponibilità per il Partenio come campo in deroga, sono gesti di grande signorilità".