Colantonio: "E' mancata la giusta cattiveria. Zona prefiltraggio? Non eravamo stati informati. E sul nuovo Dpcm..."

26.10.2020 08:34 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Fonte: Andrea Liguoro - Tuttoturris.com
Colantonio: "E' mancata la giusta cattiveria. Zona prefiltraggio? Non eravamo stati informati. E sul nuovo Dpcm..."

La prima sconfitta in campionato dopo un avvio esaltante (tre vittorie ed un pareggio). “Le sconfitte arriveranno – commenta il presidente Colantonio-. Non eravamo fenomeni prima, non siamo brocchi adesso”. Il numero uno corallino sprona i suoi per reagire al passo falso e ritornare sulla strada della salvezza: “Testa bassa e dobbiamo raggiungere il nostro obiettivo. Abbiamo dieci punti e dobbiamo continuare a combattere sul campo, forse più di oggi perché oggi è mancata la cattiveria. Scusanti non ce ne sono perché al di la della settimana travagliata, dobbiamo sempre avere la cattiveria giusta per fare risultato”.

All’amarezza della sconfitta si è aggiunto anche il dispiacere delle porte chiuse: “Purtroppo la situazione da domenica scorsa non era cambiata – spiega Colantonio-, nel senso che dovevamo organizzare la partita con la Paganese proprio come abbiamo organizzato la partita con il Monopoli. Poi venerdì, durante la riunione del GOS, è uscita fuori la richiesta di avere una zona prefiltraggio: noi non eravamo informati, e non lo siamo neanche adesso, di come deve essere questa zona prefiltraggio. In ogni caso, ci siamo adoperati portando sabato mattina delle transenne e delle barriere per cercare di creare questo prefiltraggio, ma il GOS, nonostante l’assenza dei tifosi ospiti e la capienza ridotta, non lo ha ritenuto sufficiente e quindi hanno deciso per le porte chiuse. Preciso che la Turris non è assolutamente responsabile di quanto accaduto, non doveva fare nulla né ha omesso di fare qualcosa”.

Insomma, rovinata anche quella che poteva essere l’ultima domenica con il pubblico prima della chiusura degli stadi, come imposto dall’ultimo DPCM: Avevo pregato di dare questa gioia agli abbonati – continua sull’argomento Colantonio-, ma le mie preghiere non sono arrivate al posto giusto perché già nell’aria si sentiva che ci sarebbero state delle restrizioni. Visto che domenica scorsa l’organizzazione aveva funzionato così bene ed avevo perfino fatto i complimenti a tutti, invece questa settimana, con le stesse regole, chi doveva decidere ha detto che non andava bene”.