TC - Top e flop di Bari-Turris: D'Ursi geniale, Da Dalt immarcabile!

11.01.2021 10:13 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
TC - Top e flop di Bari-Turris: D'Ursi geniale, Da Dalt immarcabile!
© foto di Salvatore Varo

Ecco i top e flop di Bari-Turris a cura di TuttoC.com.

TOP

Eugenio D’Ursi (Bari): l’esterno offensivo biancorosso è un’autentica spina nel fianco per la retroguardia campana. Le migliori occasioni passano dai piedi del fantasista biancorosso che si inventa un gol capolavoro che vale l’1-1. Insieme a Marras, prova ad insidiare la rocciosa difesa corallina con giocate ficcanti e pericolose. Il gioco del Bari si sviluppa sulle fasce e D’Ursi fa il suo dovere per tutti i 60’ in cui viene impiegato, prima di lasciare il posto a Montalto. GENIALE

Franco Da Dalt (Turris): in una partita che vive molto sulle fasce, menzione speciale per Da Dalt che infiamma la fase offensiva corallina con le sue sgroppate. Indemoniato nella corsa, l’esterno di centrocampo mette costantemente in difficoltà De Risio e Semenzato e costruisce le migliori occasioni con i suoi cross ficcanti e precisi. Uno dei suoi inserimenti ispira il gol del vantaggio di Giannone: Da Dalt pennella una traiettoria perfetta per l’incornata del compagno. Nel finale la stanchezza si fa sentire e Fabiano lo sostituisce con D’Alessandro per difendere il prezioso 1-1. IMMARCABILE

FLOP

La fase difensiva (Bari): il gol della Turris è frutto di una serie di errori grossolani della retroguardia barese che si fa sorprendere sull’unico tiro in porta degli ospiti nei primi 45’. Pandolfi riesce a proteggere il pallone spalle alla porta, nonostante la marcatura di due avversari, tracciando un passaggio filtrante millimetrico per la corsa di Da Dalt; sul cross dell’esterno, troppo libero di agire, Giannone viene lasciato tutto solo nel cuore dell’area e per lui è un gioco da ragazzi trafiggere Frattali. Nel complesso sono troppi gli errori in fase di impostazione, soprattutto nel primo tempo, mentre nella ripresa la minore pericolosità della Turris rende più semplice il lavoro difensivo.  INCOSTANTE

I primi venti minuti (Turris): l’approccio alla gara è da dimenticare per i corallini che, già al 2’, concedono un calcio di rigore ai padroni di casa e rischiano di capitolare poco dopo sul gol-no gol di Di Cesare. La buona sorte assiste gli uomini di Fabiano, troppo timidi e compassati nei primi minuti della gara, salvo poi migliorare costantemente la propria prestazione. Nonostante le innumerevoli azioni da gol costruite dal Bari, la difesa tiene bene, concedendo soprattutto conclusioni dalla distanza ai Galletti di Auteri. RITARDATARI