Turris, quasi esaurito il bonus sui play-out: con la Paganese gara spartiacque…

18.02.2021 17:39 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Turris, quasi esaurito il bonus sui play-out: con la Paganese gara spartiacque…
© foto di Pasquale D'Orsi

La sconfitta interna con il Palermo pone la Turris, necessariamente, di fronte ad un bivio. La classifica, stupenda alla fine del girone d’andata, ora invece preoccupa a giusta ragione l’ambiente corallino. Infatti, il vantaggio sulla zona play-out, nonostante il cambio regolamentare che ha escluso la quintultima dagli spareggi salvezza, sembra ormai ridotto all’osso. Un +8 sulla quartultima che però non deve ingannare, dato che quasi tutte le squadre che inseguono i corallini, ad eccezione di Cavese e Bisceglie, hanno una gara in meno, o perché hanno già scontato il turno di riposo o perché devono recuperarne uno.

I NUMERI DELLA CRISI. Il momento negativo dura da troppo tempo per poter parlare di “calo fisiologico” ed i numeri, in questo senso, appaiono inconfutabili. Nel girone di ritorno la Turris è ultima per punti conquistati (1 in ben 6 partite) e per gol subiti (ben 14, la maggior parte dei quali in fotocopia). 

IL BIVIO. Ciò significa che, arrivati a questa situazione, la gara con la Paganese ha il sapore di un vero e proprio spartiacque, dove non sembrano esserci mezze misure. Vincere avrebbe un valore pesantissimo e potrebbe dare uno slancio vitale alla squadra per il prosieguo del campionato; perdere, invece, significherebbe essere definitamente risucchiati nella zona play-out e obbligherebbe la Turris a fare punti essenziali nelle gare successive, dove il calendario salirà vertiginosamente di livello e metterà i corallini di fronte alle big del girone; pareggiare, infine, probabilmente rimanderebbe discorsi e giudizi di una settimana, ma con la consapevolezza di un margine d’errore sempre più ridotto e pericoloso.

L’ULTIMA SPIAGGIA. Inevitabilmente, sarà una gara da ultima spiaggia anche per mister Fabiano. La società, coerente con le riflessioni di inizio settimana, ha deciso di tirare una linea solo dopo la trasferta di Pagani, in virtù dei match molto ravvicinati negli ultimi giorni. Se la situazione dovesse precipitare con un’ulteriore sconfitta nel prossimo scontro diretto per la salvezza, o qualora i segnali delle ultime giornate non dovessero registrare un’inversione di tendenza, il club corallino, come quasi sempre avviene in frangenti simili, molto probabilmente si giocherà l’ultima carta rimasta con il cambio di conduzione tecnica, ritenuta la soluzione estrema per dare una scossa ad una squadra che recentemente è apparsa fragile anche dal punto di vista psicologico e per responsabilizzarla ulteriormente.