Il Mattino - Intrigo Pandolfi, il Brescia chiede un risarcimento di 400 mila euro. Chiacchio ancora a difesa della Turris: "Siamo dalla parte della ragione!"

06.07.2021 17:09 di Vincenzo Piergallino   vedi letture
Il Mattino - Intrigo Pandolfi, il Brescia chiede un risarcimento di 400 mila euro. Chiacchio ancora a difesa della Turris: "Siamo dalla parte della ragione!"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Dario Fico/TuttoSalernitana.com

La battaglia legale tra Brescia e Turris non è finita. Il pomo della discordia resta sempre Luca Pandolfi, che le rondinelle hanno deciso di non riscattare, provando l’ennesimo ricorso contro i corallini, nonostante i cinque provvedimenti precedenti sono stati puntualmente rigettati dagli organi preposti.

“Questa volta, a differenza delle precedenti – spiega l’avvocato Eduardo Chiacchio al quotidiano Il Mattino –, la partita si gioca esclusivamente fra Brescia e Turris, perché il calciatore non è parte del procedimento, per quanto il contenuto del ricorso ponga la Turris nella condizione di dover argomentare e di doversi difendere anche in relazione alle condotte del calciatore. È una questione di puro tecnicismo. Previsioni non ne ho mai fatte e mai ne farò, per ovvie ragioni. Posso solo dire che sentiamo di essere dalla parte della ragione. Dunque, a maggior ragione, attenzione e concentrazione rispetto ad ogni dettaglio dovranno essere massime. Anche perché parliamo di una richiesta di risarcimento per oltre 400mila euro: una somma che per una società come la Turris, da sempre attenta ai numeri di bilancio e dunque estremamente virtuosa, rappresenta a tutti gli effetti quello che in diritto amministrativo viene definito un bene della vita”.