SERIE C - Ghirelli: "Alto numero di iscrizioni nonostante il periodo difficile"

08.08.2020 10:40 di tuttoturris .com   Vedi letture
Fonte: Comunicato stampa
SERIE C - Ghirelli: "Alto numero di iscrizioni nonostante il periodo difficile"

Il Consiglio Direttivo della Lega Pro ha esaminato le domande di ammissione al campionato di Lega Pro 2020-2021, che inizierà il 27 settembre, che sono state presentate da 52 club dei 55 aventi diritto. Le 52 domande presentano documentazione completa. Le società che non hanno presentato domanda di iscrizione sono 3: Campodarsego, Robur Siena e Sicula Leonzio.Entro il 12 agosto prossimo è fissato il termine per il deposito della documentazione per l’iscrizione della Juventus Under 23 mentre il termine per le società retrocesse dalla serie B è il 24 agosto prossimo.


“Sono, prima di tutto, dispiaciuto per i tre club che non si sono iscritti- dichiara Francesco Ghirelli, Presidente Lega Pro.- Si è rilevato un alto numero di iscrizioni anche in un periodo difficile per tutto il Paese: ciò si deve principalmente alla capacità attrattiva della Lega Pro e del suo campionato oltre alle misure adottate come l’abbassamento dei costi”. “Il timore più grande- continua Ghirelli- è legato alla ripresa per una serie di fattori: se non viene allentato il protocollo sanitario, se non si riaprono gli stadi e se non ci sono gli sponsor. In autunno, a questo, si aggiungerà la restituzione di quanto rinviato per tributi e tassazioni”.

Nel corso delle comunicazioni del Presidente Ghirelli si è fatto riferimento anche al Decreto legislativo Agosto. “Nel Dl Agosto – conclude il Ghirelli- si dovrebbero trovare delle risposte sul credito di imposta e sulle procedure per la cassa integrazione. Abbiamo riconfermato la necessità di verificare le misure del protocollo sanitario così come la necessità della riapertura graduale degli stadi. Temi, che la settimana scorsa, sono stati esposti dalla Lega Pro assieme al Comitato 4.0, che riunisce le leghe di basket e di pallavolo, maschili e femminili e l’atletica, ai Ministri Gualtieri e Spadafora e ai Gruppi parlamentari. Non c’è più tempo, si rischia il collasso. La situazione potrebbe diventare non sopportabile per i club e per la funzione sociale che opera la Lega Pro sul territorio”.