Le pagelle di Turris-Picerno: Perina decisivo ma ingenuo. Santaniello assente in area, Giannone e Leonetti imprecisi: le punte diventano un caso!

19.09.2021 16:58 di Vincenzo Piergallino   vedi letture
Le pagelle di Turris-Picerno: Perina decisivo ma ingenuo. Santaniello assente in area, Giannone e Leonetti imprecisi: le punte diventano un caso!
© foto di Turris Calcio Official

Le pagelle di Turris-Picerno…

PERINA 6,5: il voto sarebbe superiore al 7 per le tre paratone che mantengono inviolata la porta della Turris. Rovina tutto con l’ingenuità nel finale, che gli costa il rosso diretto e una squalifica, forse, superiore ad una giornata. 

MANZI 6: non si sottrae ai duelli corpo a corpo, facendo valere la solita esuberanza fisica.

LORENZINI 6: concede poco prima dell’infortunio che lo costringe al cambio (dal 10’st DI NUNZIO 6: non commette particolari sbavature).

ESEMPIO 6: solita attenzione difensiva. Da adattato a sinistra, non riesce a sganciarsi tanto in avanti.

GHISLANDI 5: rimane abbastanza bloccato nella sua posizione. Timida l’opposizione sulla conclusione vincente di Setola.

BORDO 5,5: meno nel vivo del gioco rispetto ad altre occasioni (dal 10’st FRANCO 5,5: qualche maggiore apertura rispetto al suo predecessore, ma non incide come potrebbe anche in fase conclusiva).

TASCONE 6,5: il migliore, per distacco della Turris. Colpisce una traversa piena che avrebbe meritato altra sorte, poi non riesce a centrare la porta da ottima posizione. Ma resta il più pericoloso dei suoi.

VARUTTI 5: il legno che colpisce di testa non basta per salvare una prestazione nel complesso insufficiente. Appare abbastanza contratto e poco incisivo quando la palla arriva dalle sue parti.

GIANNONE 4,5: sembra lontano parente del giocatore che l’anno scorso trascinava la Turris a suon di reti e assist. Le sue conclusioni in porta si contano col contagocce. Problema tecnico o tattico? (dal 34’st PAVONE sv).

SANTANIELLO 4,5: si sgancia spesso dalla sua posizione per fungere da raccordo, ma così facendo non è quasi mai presente in area quando arrivano palloni giocabili (dal 24’st LONGO 5: non si fa notare).

LEONETTI 4,5: non mostra la cattiveria necessaria in fase conclusiva. Anche lui rischia di diventare un caso…(dal 24’st SARTORE 5,5: porta maggiore vivacità, ma senza creare pericoli concreti).  

ALL. CANEO 5: confermati pregi e limiti delle uscite precedenti. La squadra segue un canovaccio a memoria, fatto anche di trame interessanti e manovre ariose, ma non portano frutti se negli ultimi metri la squadra si sgretola come un castello di sabbia. Poi ci si mette anche la sfortuna, ma resta la sensazione di un potenziale non ancora sfruttato del tutto. Eccessive, forse, le forti critiche piovute dagli spalti al fischio finale, dato che solo una settimana fa si elogiavano le sue scelte contro il Foggia.