Riforma campionati, Lardone (Pres. Ostiamare): "Di difficile attuazione nel breve periodo, ma ridurrebbe gli assurdi costi della C"

07.05.2020 07:26 di tuttoturris .com   Vedi letture
Fonte: Tuttoseried.com
Riforma campionati, Lardone (Pres. Ostiamare): "Di difficile attuazione nel breve periodo, ma ridurrebbe gli assurdi costi della C"

Continua a tenere banco la notizia della possibile riforma dei campionati che, già dalla giornata di ieri, vi abbiamo anticipato sui nostri canali. Le modifiche, che andrebbero a rivoluzionare tutti i campionati, dalla B alla D, potrebbero essere davvero rilevanti, dato che si punterebbe a ridurre il numero di club professionistici ad un totale di 60, contrariamente ai 100 attuali. Le maggiori modifiche riguarderebbero il campionato cadetto, che passerebbe ad un totale di 40 squadre, divise su due gironi, e l'attuale Serie C, che perderebbe il suo status di campionato professionistico per diventare, a tutti gli effetti, la massima serie dilettantistica. A farne parte, sarebbero le squadre non promosse nella nuova maxi Serie B, con l'aggiunta delle migliori 20 di Serie D. Si provvederebbe, sostanzialmente, a promuovere le prime due di ogni girone, con molte squadre che si troverebbero ad affrontare il salto di categoria pur non essendo in vetta al proprio raggruppamento.

Tra queste, se la riforma dovesse entrare in vigore già nella stagione 2020/2021, ci sarebbe l'Ostiamare di mister Scudieri, attualmente secondo nel Girone G a 4 punti dalla capolista Turris. Sull'immediatezza del provvedimento, però, si dimostra scettico il patron della società biancoviola, Luigi Lardone, che fa notare come la proposta "sia di difficile attuazione nel breve periodo, in quanto qualsiasi riforma federale, posto che ci sia la convergenza di interessi tra le attuali squadre B e quelle di Serie C, entra in gioco, con le regole attuali, due stagioni dopo la decisione. Quindi in questo caso nel 2021-2022". Sulla bontà della riforna, in ogni caso, il parere del presidente è stato netto: "Siamo assolutamente d'accordo. Sarebbe auspicabile per riportare sulla Terra gli assurdi costi del calcio di Serie C."