Primicile: "La società comincia a muoversi sul fronte ripescaggio, ma urge precisazione sull'inizio dei lavori..."

23.05.2019 15:00 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Primicile: "La società comincia a muoversi sul fronte ripescaggio, ma urge precisazione sull'inizio dei lavori..."

Le recenti notizie positive sul fronte stadio stanno facendo lievitare le speranze di un possibile ripescaggio in Lega Pro. La stessa Turris si sta attivando su questo fronte, come confermato dal dg Rosario Primicile: Stiamo lavorando per non farci trovare impreparati, nel caso in cui il Comune dovesse riuscire a realizzare tutti gli interventi strutturali necessari per adeguare lo stadio entro le scadenze previste. Abbiamo attivato dei consulenti per cominciare a preparare tutti gli adempimenti a carico della società, ma il fatto che ci stiamo muovendo non significa che siamo più fiduciosi o meno rispetto alla messa a norma della struttura. E’ per dimostrare a qualche malpensante che, se la domanda di ripescaggio dipendesse solo dalla società, non ci sarebbe alcuna remora nel presentarla, perché lo abbiamo sempre garantito e ribadiamo che, se ci saranno le condizioni strutturali, non ci tireremo indietro”.

Sulle scadenze: “Aspettiamo nota ufficiale, ma salvo cambi di programma la documentazione completa per il ripescaggio dovrebbe essere inoltrata entro fine luglio. Ma ad ogni modo non ci sarà bisogno di aspettare fino a quel termine. Credo che per i primi 10 giorni di giugno già sapremo se saremo in condizione di soddisfare tutti i requisti richiesti”.

Sull’inizio dei lavori, tuttavia, Primicile fa una precisazione: “Per quanto mi risulta dagli ultimi contatti con i tecnici comunali, domani non ci sarà l’inizio dei lavori ma un incontro tra la ditta incaricata ed il Comune per stabilire la data di avvio degli stessi. Il cartello apparso nei Distinti non è frutto di un’iniziativa della società e lo spostamento delle attività del settore giovanile è dovuto alla nostra volontà di organizzarci con anticipo, in modo da  evitare stravolgimenti dell’ultimo momento. Restiamo, pertanto, in attesa di comunicazioni ufficiali dall’ufficio preposto…”.