Caos stipendi – Anche Giacomarro batte cassa: “Costretto alla vertenza, sono tutti spariti”. La risposta della Turris...

 di Vincenzo Piergallino  articolo letto 2348 volte
Caos stipendi – Anche Giacomarro batte cassa: “Costretto alla vertenza, sono tutti spariti”. La risposta della Turris...

Il caso Danucci rischia di avere un effetto boomerang in casa Turris. A cavalcare le parole del centrocampista pugliese anche l’ex tecnico corallino Domenico Giacomarro, che ha voluto rilasciare le seguenti dichiarazioni al nostro portale: Danucci è l’unico in squadra ad aver mostrato attributi e a dire come stanno le cose. La società non si è comportata bene con i propri tesserati, nemmeno con il sottoscritto. Avanzo ancora più di 10 mila euro ma sono tutti spariti, nessuno mi risponde più al telefono. Sarò costretto a fare la vertenza, nella speranza di poter recuperare quanto mi spetta. Personaggi del genere purtroppo non dovrebbero esserci nel mondo del calcio, a maggior ragione in una piazza come Torre, che merita ben altro. Spero che questa situazione non pregiudichi il futuro della Turris…”.

LA DELUSIONE – Giacomarro ritorna sulla brevissima esperienza alla guida dei corallini, durata poco più di un mese: “Mi dispiace tanto per la piazza, ma il tempo mi ha dato ragione. L’avevo detto che la rosa era limitata e non in grado di poter ambire al primato, anzi… Avevo accettato questo incarico con grande entusiasmo, rifiutando tante proposte pur di allenare a Torre, ma una volta dentro ho trovato una situazione grottesca. Uno spogliatoio nel quale ognuno andava per i fatti suoi ma la società, invece di sostenermi, assecondava chi andava a lamentarsi dal presidente. Avevo proposto le doppie sedute di allenamento, ma mi hanno detto che non era possibile perché c’era chi lavorava nell’azienda del presidente. Ogni socio prendeva un giocatore a suo piacimento e quando li ho avvertiti che la rosa a mio avviso andava cambiata notevolmente, non hanno voluto darmi ascolto”.

LA DIFESA DEL CLUB – Dichiarazioni forti come quelle di Danucci, ma secondo la versione fornita dalla Turris l’ingaggio dovuto a Giacomarro sarebbe ostacolato da un pignoramento in corso da parte di terzi, che si sarebbero rivalsi sullo stipendio dello stesso trainer siciliano.

GAME OVER? – La verità potrebbe trovarsi nel mezzo, come spesso succede in questi casi. Ma di certo il reiterarsi di determinate lamentele da parte di tesserati, attuali o ex, nei confronti del club, ha inevitabilmente compromesso la fiducia che la piazza fino a pochi mesi fa nutriva nei confronti della società, il cui ciclo a Torre del Greco potrebbe esser giunto al capolinea. Infatti le rassicurazioni della proprietà a mezzo stampa non hanno placato la preoccupazione della tifoseria, che a questo punto attende con ansia gli sviluppi futuri.