Arpaia esce allo scoperto: "La Turris interessa sul serio. Con me Todisco, Niutta e non solo..."

 di Vincenzo Piergallino  articolo letto 2741 volte
Arpaia esce allo scoperto: "La Turris interessa sul serio. Con me Todisco, Niutta e non solo..."

Dopo le indiscrezioni degli ultimi giorni, Gaetano Arpaia esce allo scoperto e conferma il suo interesse per la Turris, rivelando nei dettagli le sue intenzioni: "Rappresento un gruppo di imprenditori sostanzioso e di un certo livello - rivela Arpaia - che vorrebbe fare calcio l'anno prossimo in una piazza importante. Io sarei solo uno dei componenti nonché il garante di questa cordata, nella quale, oltre a Todisco, ci sarebbero altre persone con esperienze gestionali anche in Lega Pro. Tra queste l'ex presidente della Frattese Raffaele Niutta, che sarebbe l'azionista di maggioranza di questo gruppo. Torre del Greco è in cima alla nostra lista dei desideri. E' una piazza che mi intriga tantissimo e che entusiasma tutto il resto del gruppo".

L'ex patron del San Giorgio rivela anche le prossime mosse: "Nelle prossime 48 ore dovrei avere un primo incontro istituzionale con il sindaco Borriello. Perché prima il sindaco? Perché sono un politico anche io, da anni ricopro la carica di consigliere comunale nel comune di San Giorgio A Cremano e so benissimo che, quando si vuole fare calcio in una città, bisogna prima capire bene la macchina amministrativa, la questione stadio ecc.. Voglio capire come stanno le cose riguardo la struttura, anche perché sono abituato all'antica. Quando si vuole investire in un'altra città, il primo passaggio va fatto col primo cittadino. Se ci saranno presupposti per cominciare un certo discorso, il secondo passaggio sarà presentare il progetto al presidente Giugliano, con il quale c'è un ottimo rapporto. Se dovesse confermare l'intenzione di disimpegnarsi dalla Turris, il mio gruppo non avrebbe problemi a rilevare il club e a programmare un futuro ambizioso. Se i nostri obiettivi non fossero stati importanti, non ci saremmo proprio interessati ad una piazza storica come quella corallina. Per il momento vediamo come andranno i primi passaggi. Poi, se son rose...".