Societá solida, zero debiti, ritrovato entusiasmo: le premesse per far tornare grande la Turris…

26.05.2018 06:54 di Vincenzo Piergallino  articolo letto 1524 volte
Societá solida, zero debiti, ritrovato entusiasmo: le premesse per far tornare grande la Turris…

Il popolo corallino si avvia ad archiviare una stagione sofferta ed intensa dal punto di vista emotivo. Ma nonostante una salvezza ottenuta solo all’ultimo respiro, sono almeno 3 i punti che permettono alla piazza biancorossa di guardare al futuro con fiducia e con la speranza di poter lottare per i quartieri alti della classifica. Tornare grandi non significa necessariamente puntare da subito a vincere, ma ridare alla piazza la licenza di sognare, l'auspicio che anche la Turris possa sedersi ben presto al tavolo delle grandi. Non basta molto, lo dice la storia degli ultimi campionati. E l’attuale proprietá il requisito base sembra aver dimostrato di possederlo, ossia la base economica.

SOCIETA’ SOLIDA – Nonostante le difficoltá in classifica, durante l’anno c'è stata comunque la percezione di una societá economicamente solida, che a differenza di altri club non ha mai avuto alcun problema nei pagamenti, non lesinando spese per le necessitá basilari. Un punto di forza sicuramente determinante, dato che in serie D, in particolare in Campania, proprietá che possono garantire questo tipo di “tranquillitá” ai propri dipendenti sono ormai rarissime. Un vantaggio che potrebbe rivelarsi preziosissimo anche in sede di mercato, con i giocatori che non ci penserebbero due volte ad accettare la Turris, forse l’unico club nei Dilettanti a pagare addirittura gli stipendi con anticipo.

ZERO DEBITI – L’anno calcistico appena trascorso è servito anche per ripulire la Turris dalle pendenze pregresse, quantificate in più di 100 mila euro dall’attuale patron Colantonio. In questo modo lo stesso presidente potrá destinare il budget esclusivamente all’allestimento della rosa e soprattutto potrá coinvolgere con più facilitá nuovi partners. Infatti sarebbe stato complicato convincere nuovi imprenditori o sponsor, sapendo che poi parte delle loro risorse sarebbe stata impiegata per saldare buchi relativi agli anni precedenti.

RITROVATO ENTUSIASMO – Altro fattore da non sottovalutare è il ritrovato entusiasmo nella piazza corallina. Paradossalmente la salvezza avvenuta tramite play-out, con la Turris ad un passo dal crollo, ha risvegliato passione e senso di appartenenza nella cittá del corallo. Domenica scorsa è apparsa al campo gente che mancava da anni al Liguori. Ciò significa che l’interesse per i colori corallini, se adeguatamente stimolato con risultati sportivi e varie iniziative, dal marketing alla comunicazione, può ancora generare numeri eccezionali come quelli ammirati con l’Aversa.