Turris, spunta la cordata di mister X - L'ex Potenza Del Giudice il garante: "Trattativa avanzata con Giugliano. Se le carte sono ok, si chiude..."

 di Vincenzo Piergallino  articolo letto 2581 volte
Turris, spunta la cordata di mister X - L'ex Potenza Del Giudice il garante: "Trattativa avanzata con Giugliano. Se le carte sono ok, si chiude..."

Se da una parte Giuseppe Giugliano dichiara che da questo momento bisognerà dialogare soltanto con lui per l’acquisto della Turris, senza dunque mediatori, dall’altra esce allo scoperto un’altra trattativa, condotta finora in gran segreto dallo stesso Giugliano con un gruppo a sorpresa. Un’ipotesi che avevamo già caldeggiato qualche giorno fa e che probabilmente poteva essere una delle cause del mancato accordo con Niutta.

LA TRATTATIVA PARALLELA - Ancora segreto il nome di Mister X, dovrebbe trattarsi però di un imprenditore campano legato all’energia alternativa. Ma è emerso invece il nome di chi sta portando avanti l’operazione, facendo da garante e trattando direttamente con Giugliano (un ruolo simile a quello condotto da Vitaglione tre anni fa per il suo arrivo a Torre). Trattasi di Corrado Del Giudice, imprenditore edile di origini campane ma residente a Foggia e navigato direttore sportivo, con trascorsi al Potenza, al San Severo e nell’ultima stagione al Madre Pietra Daunia.

L’OFFERTA - Del Giudice rivela maggiori dettagli di una trattativa condotta fin qui a fari spenti: “Premetto che il mio ruolo è quello di direttore sportivo o generale, a seconda delle situazioni. Confermo il forte interessamento per la Turris di un gruppo composto da imprenditori campani e non, che mi ha incaricato di avviare la trattativa. Si tratta di un gruppo formato da persone per bene e con disponibilità economiche importanti, ma chi dovrebbe ricoprire la carica di presidente mi ha chiesto di mantenere il riserbo sul nome fin quando l’operazione non sarà vicina alla conclusione. Sta trattando anche un club di Lega Pro ma rimane molto stuzzicato dall’opzione Turris, poiché la considera una piazza eccezionale e vorrebbe provare a riportarla nel calcio che conta”. Lo stesso Del Giudice smentisce però che si tratti dell'imprenditore foggiano Paolo Dell'Erba.

LE SCADENZE – Del Giudice fa il punto sullo stato dell’operazione: La trattativa è in fase avanzata. Giugliano non ha chiesto alcuna buonuscita, ma di accollarci solo la situazione debitoria. Aspettiamo di vedere le carte per confermare le cifre prospettateci dal presidente. L’incontro decisivo dovrebbe essere martedì. Se le carte dovessero confermare quei numeri, e non abbiamo motivi per pensare il contrario, credo che la trattativa si chiuderà nel giro di 4-5 giorni. Tuttavia per il momento preferisco non sbilanciarmi troppo, perché a volte basta un cavillo tecnico per far saltare discorsi già intavolati e in procinto di essere firmati. Attendiamo fiduciosi…”.

L’INTERROGATIVO – A questo punto l'ipotesi Niutta sembra chiudersi definitivamente. Difficile capire al momento cosa spingerebbe Giugliano a preferire eventualmente una proposta piuttosto che l'altra: “Ho seguito sui giornali gli ultimi eventi, ma non voglio entrare nel merito della questione. Non so cosa sia successo con Niutta e non mi permetto di dire chi ha ragione o torto. Posso solo rivelare che quando ho contattato Giugliano per manifestare l’interesse, tra le condizioni poste per avviare la trattativa mi ha detto di voler cedere il club solo a chi avesse la capacità reale per poter gestire la Turris”. L’altro interrogativo riguarda una possibile presenza in tale cordata di qualche componente della vecchia società: “Non chiudiamo a priori le porte a nessuno, ma è bene precisare che tale gruppo ha un organigramma e una struttura societaria già ben delineata e che il presidente, mettendoci i soldi e la faccia, giustamente vuole avere l’ultima parola su tutte le decisioni. Giugliano ci ha parlato soltanto dell’intenzione di Colantonio di voler proseguire con il settore giovanile della Turris e per noi sarebbe un’ottima soluzione, anche perché è importante avere tra i propri ranghi qualcuno che già conosce l’ambiente”.