TURRIS, IL MERCATO COME TI CAMBIA…

 di Salvatore Pellino  articolo letto 1715 volte
TURRIS, IL MERCATO COME TI CAMBIA…

La Turris ha cambiato pelle. Il mercato di dicembre ci ha ‘restituito’ una Turris trasformata nella sua fisionomia generale. Un mercato che di fatto ha sconfessato in gran parte quell’estivo fatto di giocatori che si sono rivelati un flop nonostante referenze importanti, altri invece che non hanno reso in termini di qualità/prezzo.

LA NUOVA TURRIS – Ora c’è una ‘nuova’ Turris. E’ una Turris ridimensionata? Forse si, ma forse solo sulla carta considerando l’apporto (o meglio il NON apporto) di chi è andato via. Più che altro è una Turris con caratteristiche diverse. Una Turris meno fisica ma potenzialmente con maggiore qualità. Un mercato nel quale si è sopperito all'assenza di attaccanti brevilinei e sguscianti, ma manca ancora un vice Danucci. Proprio ora che il metronomo corallino è stato squalificato la società potrebbe pensare di ritornare sul mercato.

LE SOLUZIONI – Mister Baratto ha in mente due soluzioni per questa ‘nuova’ Turris. Non solo il 4-3-3, ma nelle ultime ore ha preso quota il 4-4-2 a vocazione offensiva.

GARIBALDINA – In pole position dunque il 4-2-4, sarebbe infatti difficile proporre una mediana a tre senza un play come Danucci. In ogni caso dovrebbe scattare il momento di Omar Joof, da affiancare a De Rosa in mezzo al campo. In modo da giocarsi gli over su entrambe le fasce (Danti e Tedesco) a supporto di Improta e Varriale. Somma ritornerebbe in difesa. Questa soluzione tattica forse ben si presta per questo secondo scorcio di stagione. Una Turris ‘garibaldina’ che potrebbe anche rifocillare la misera casella dei gol fatti.

IL TRIDENTE - In caso di 4-3-3, l’unica variazione sarà Morella per Varriale. Omar regista davanti la difesa con De Rosa e proprio l’ex Sant’Antonio a supporto. In avanti Improta a fare da esca, mentre Danti e Tedesco ali pure. Senza trascurare Lombardi (’97), esterno offensivo.