Titolo nelle mani della città solo all’apparenza: Giugliano ufficializza che si tratta solo con lui

 di Nello Giannantonio  articolo letto 2229 volte
Titolo nelle mani della città solo all’apparenza: Giugliano ufficializza che si tratta solo con lui

Giuseppe Giugliano torna a parlare e ratifica quello che in pratica (vedi recente vicenda Niutta) si era già materializzato, cioè che è e sarà lui la persona che di fatto deciderà le sorti della Turris senza la “copertura di facciata” dell’intermediazione e del coinvolgimento dei tifosi, in particolare il gruppo organizzato Aggregazione Ultras Torre del Greco che, poche settimane fa, proprio lo stesso presidente aveva “incaricato” pubblicamente di fare da garante e da riferimento per trattative per la cessione del club corallino dopo le dimissioni in blocco della dirigenza. La trattativa (appena fallita e non certo per volontà dei tifosi) con Raffaele Niutta per la cessione della Turris ha dimostrato che, alla resa dei conti, Giugliano avrebbe comunque fatto di testa sua senza intermediazioni che tenessero.

A questo punto, dobbiamo supporre che lo stesso gruppo Aggregazione Tdg sarà in un certo senso ben “lieto” di non ritrovarsi più al centro di trattative e discorsi quando poi la disponibilità del titolo sportivo nei fatti non è nelle mani della tifoseria e della città di Torre del Greco, come il dimissionario Giugliano aveva voluto far credere provando a differenziarsi dai presidenti che lo hanno preceduto al timone della Turris. In una intervista al quotidiano Metropolis, Giugliano oggi dichiara: Chi vuole la Turris deve trattare solo con me, da oggi basta intermediazioni, anche perché è chiaro che hanno fallito”. E dà anche un ultimatum a chi volesse, dopo Niutta, lanciarsi nella trattativa per acquisire la Turris: Aspetterò fino al 20 giugno, poi farò le valutazioni del caso e prenderò le mie decisioni”.