Nel frattempo chi paga Giacomarro? In gioco penalizzazione o esclusione dal prossimo campionato...

 di Nello Giannantonio  articolo letto 1343 volte
Nel frattempo chi paga Giacomarro? In gioco penalizzazione o esclusione dal prossimo campionato...

La decisione del Collegio Arbitrale presso la Lega Nazionale Dilettanti risale al 20 aprile scorso ed accolse il ricorso del tecnico Domenico Giacomarro nei confronti della Turris (per una cifra che si aggirerebbe intorno ai 15mila euro come residuo dell'ingaggio contrattualmente pattuito e ciò a prescindere dalla circostanza resa nota dalla dirigenza corallina di un pignoramento del credito vantato dall'allenatore siciliano attivato nel frattempo da un istituto di credito).

A prescindere da chi guiderà la società corallina, i tempi ora stringono. Il lodo arbitrale, infatti, è immediatamente esecutivo. E in questi casi si applica il regime sanzionatorio previsto dall'articolo 94 ter delle Noif, che al comma 13 recita: "Il pagamento agli allenatori delle società della L.N.D. di somme, accertate con lodo emesso dal competente Collegio Arbitrale, deve essere effettuato entro 30 giorni dalla comunicazione della decisione. Decorso inutilmente tale termine, si applica la sanzione di cui all’art. 7, comma 6 bis, del Codice di Giustizia Sportiva. Persistendo la morosità della società per le decisioni del Collegio Arbitrale pronunciate entro il 31 maggio, la società inadempiente non sarà ammessa al campionato L.N.D. della stagione successiva qualora le suddette pronunce non vengano integralmente adempiute entro il termine annualmente fissato per l’iscrizione al campionato di competenza".
In caso di tardato pagamento, in pratica, si rischia la penalizzazione di uno o più punti in classifica da scontare nella prossima stagione. Se invece non si ottempera proprio alla regolarizzazione della posizione di Giacomarro entro la data di iscrizione al campionato di serie D, si rischia seriamente addirittura la non ammissione.