Il Comune ha 4 milioni di avanzo? Il sindaco si ricordi della promessa fatta sullo stadio…

La sfida di donare all'amministrazione un progetto esecutivo fu raccolta dal presidente delle giovanili Colantonio
 di Nello Giannantonio  articolo letto 1720 volte
Il Comune ha 4 milioni di avanzo? Il sindaco si ricordi della promessa fatta sullo stadio…

"Posso promettere che i lavori di adeguamento del ‘Liguori’ si faranno con i fondi di avanzo di amministrazione, che potremo monitorare in bilancio verso il mese di aprile, se ci saranno uno o più tecnici che regaleranno al Comune un progetto esecutivo relativo agli interventi allo stadio, progetto esecutivo che per le forze attualmente a disposizione dell’ente non posso garantire in tempi brevi”. È la promessa fatta pubblicamente lo scorso febbraio dal sindaco Ciro Borriello nel corso di un affollato incontro pubblico che si svolse nell’aula consiliare di Palazzo baronale alla presenza di tifosi della Turris, del presidente corallino Giugliano e del presidente delle giovanili Colantonio (all’epoca dei fatti i tifosi erano preoccupati dalla chiusura dello stadio “Liguori” dopo intervento dei vigili del fuoco). La dichiarazione virgolettata del sindaco la riprendiamo direttamente dal comunicato che, quella sera stessa, diramò il suo ufficio stampa proprio per evitare equivoci o fraintendimenti.

Ora che trapela la notizia che gli avanzi di amministrazione ammonterebbero a circa quattro milioni di euro, ci si dovrebbe ricordare anche di questa promessa per destinarne una piccola parte allo stadio comunale. Anche una cifra non trascendentale, unita ai fondi nel frattempo “prenotati” dal Comune di Torre del Greco per le prossime Universiadi (500mila euro), potrebbe garantire infatti un discreto adeguamento dell’impianto nonché il rifacimento del manto erboso sintetico, per il quale nei prossimi mesi andrà rinnovata anche l’omologazione.

La condizione posta quella sera in Comune da Ciro Borriello, per velocizzare l’opera da realizzare al “Liguori”, fu appunto quella di ricevere un progetto già di tipo esecutivo. La sfida, come ricorderete, fu immediatamente recepita dal numero uno delle giovanili Turris, Antonio Colantonio: “Mi impegno io a regalare al Comune il progetto esecutivo per far sì che possano essere programmati i lavori di adeguamento allo stadio, al fine di rendere nuovamente funzionale l’impianto” promise pubblicamente l’imprenditore torrese. Già, un progetto incisivo e concreto (senza fantasticare sul tornare a “girare” lo stadio di viale Ungheria) è pronto adesso ad essere donato all’amministrazione comunale?