Giugliano-Minerva: contatto. Si va verso un altro nulla di fatto?

 di Nello Giannantonio  articolo letto 1033 volte
Giugliano-Minerva: contatto. Si va verso un altro nulla di fatto?

Tutto si potrà dire al termine di quest’altra tormentata estate corallina tranne che nessuno volesse la Turris. Dopo Niutta ed il duo Colantonio-Gaglione, anche l’interessamento di Guido Minerva, imprenditore di origini torresi con interessi lavorativi localizzati anche su Londra, si è fatto concreto. Vi avevamo riferito di una recente cena, alla presenza del sindaco Borriello, tra lo stesso Minerva ed il presidente delle giovanili coralline Antonio Colantonio. La cosa non ebbe seguito. Nelle ultime ore, però, i fratelli Minerva (perché accanto a Guido c’è il fratello Alessandro) hanno avuto un contatto diretto con il presidente della Turris, Giuseppe Giugliano. Un contatto passato per “vie istituzionali” e non per il tramite del tifo organizzato corallino, uscito ufficialmente dalle intermediazioni dopo l’iniziale (e solo teorica) investitura sulle sorti del titolo sportivo ricevuta dal dimissionario Giugliano.

Il tempo, tuttavia, per effettuare i dovuti controlli documentali stringe. E questo è il punto che avrebbe già in un certo modo "scoraggiato" Minerva, il quale come i precedenti acquirenti della Turris chiede immediata contezza della situazione contabile del club prima di prendere la definitiva decisione.

Di sicuro, non è ipotizzabile un coinvolgimento parziale dei Minerva, ad esempio all’interno di un “rimpasto” della dirigenza della scorsa stagione che Giugliano sta provando a rimettere faticosamente in piedi. I Minerva o rileveranno in toto la Turris o usciranno di scena. E in quest’ultimo caso bisognerà poi capire bene perché l’affare non sarà andato in porto…