Esclusiva TT - Barbiero rivela: "Confermato il regolamento playoff dello scorso anno. Deroga stadio anche alle richiedenti ripescaggio? Questione politica..."

02.01.2019 22:05 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Esclusiva TT - Barbiero rivela: "Confermato il regolamento playoff dello scorso anno. Deroga stadio anche alle richiedenti ripescaggio? Questione politica..."

Raggiunto in esclusiva da Tuttoturris, l’Avvocato Luigi Barbiero, reggente del Comitato Regionale Campania e Coordinatore della Lnd, si è espresso sul regolamento play-off della serie D per la stagione attuale. Un tema che interessa particolarmente anche la Turris e sul quale Barbiero ha rivelato: Il regolamento play-off resterà identico a quello della stagione precedente, così come approvato nella riunione con tutte le società della LND agli inizi di dicembre. La mancata pubblicazione dello stesso sul portale della LND è un fatto di natura esclusivamente tecnica e avverrà nei prossimi giorni, ma non ci saranno cambi rispetto alla scorsa stagione”.

L’Avvocato Barbiero smentisce quindi le voci che parlavano di un possibile ritorno all’antica con i playoff nazionali, mettendo in palio una promozione diretta: “Soluzione impraticabile -ammette Barbiero-. I posti per la Lega Pro disponibili restano ufficialmente 9, quindi non ci è possibile introdurre un’altra promozione tramite i playoff. La formula degli spareggi resta dunque immutata, tramite i quali verranno fissate tre graduatorie per i ripescaggi, divise rispettivamente in vincenti playoff nei rispettivi gironi, perdenti finali e perdenti semifinali”.

Invece sull’eventualità di una deroga stadio anche per le richiedenti ripescaggio, Barbiero si dimostra favorevole ma allo stesso tempo prudente sulla sua attuazione: Si tratta di una questione meramente politica. La mancata concessione di deroghe sullo stadio alle richiedenti ripescaggio fu una discriminante voluta all’epoca da Macalli, che negli ultimi anni ha penalizzato anche società facoltose ma che magari si trovavano in piccoli centri e che pertanto non hanno potuto inoltrare la domanda, come ad esempio nel caso della Caronnese. Credo che ci siano tutti i presupposti per discutere l’eventuale modifica, ma a decidere è il Consiglio Federale e non so se questo punto sarà all’ordine del giorno del prossimo del 31 gennaio o di quelli successivi”.

Barbiero aggiunge: “Per via di questa discriminante si rischia di perdere l’occasione di dare spazio a realtà importanti ed imprenditori seri nel calcio professionistico. Se sarà rivista, bene, altrimenti continueremo ad essere ben felici di ospitarli in un campionato comunque molto prestigioso ed interessante come la serie D…”.