Corsa contro il tempo per lo stadio – L’aut aut delle Universiadi: o i lavori partono la prossima settimana, oppure…

25.05.2019 18:49 di Vincenzo Piergallino   Vedi letture
Corsa contro il tempo per lo stadio – L’aut aut delle Universiadi: o i lavori partono la prossima settimana, oppure…

Il mancato inizio dei lavori per l’adeguamento dell’Amerigo Liguori tiene in sospeso la Torre del Greco sportiva, la società Turris e le sue velleità di ripescaggio in serie C. Tuttavia l’incertezza non sembra destinata a durare a lungo, poiché le imminenti Universiadi rappresentano uno spartiacque importante in tal senso. Infatti, considerando che l’impianto di Viale Ungheria sarà impegnato per tale manifestazione (che avrà inizio il 3 luglio e grazie alla quale il Comune ha ottenuto dei fondi per il rifacimento degli spogliatoi) e che i tempi di riqualificazione del manto erboso sono stati stimati tra i 30 ed i 45 giorni, la certezza è che o i lavori cominciano la prossima settimana, oppure la Turris sarà costretta a dire addio con largo anticipo al sogno serie C.

Il problema grosso è rappresentato dal sintetico, la cui installazione deve essere completata necessariamente prima dell’avvio delle Universiadi, in modo da rendere il campo usufruibile per questa competizione (gli altri interventi invece possono essere compiuti anche parallelamente). Infatti questi lavori sarebbero dovuti iniziare subito dopo Pasqua, poi si è parlato della fine di maggio come limite massimo, oltre il quale non si poteva più indugiare. Complicazioni come quelle sorte nel fine settimana, con la ditta aggiudicataria che ha rinunciato all’appalto, erano da mettere in preventivo, trattandosi comunque di passaggi della pubblica amministrazione e in quanto tali soggetti ad una complicata prassi burocratica. Ma il peccato originale è stato partire con colpevole ritardo, nonostante già da settembre dello scorso anno fosse stata pubblicamente evidenziata l’esigenza di adeguare il Liguori per non farsi sfuggire una eventuale chance di ripescaggio.

Purtroppo gli appelli di allora sono stati ascoltati troppo tardi. Ora si è nel bel mezzo di una corsa contro il tempo, ma l’itinerario si sta dimostrando zeppo di ostacoli.