Carannante: "Il digiuno dell'attacco comincia a pesare. Bisogna fare di più!"

 di Vincenzo Piergallino  articolo letto 1201 volte
Carannante: "Il digiuno dell'attacco comincia a pesare. Bisogna fare di più!"

Questa volta è un Carannante meno morbido nel commentare il match della Turris, ripresa dall’Aversa dopo il vantaggio di Guastamacchia: Ottimo primo tempo da parte dei ragazzi e tutto sommato anche la ripresa è stata ben giocata. Purtroppo, quando non si chiudono le partite, il rischio di subire la beffa c’è sempre ed infatti l’Aversa ha trovato il gol su una mischia in area. Dobbiamo lavorare in fase di realizzazione, perché è impensabile che una squadra produce tutte queste palle gol e poi riesce ad andare in rete solo su calcio piazzato. Adesso onestamente mi aspetto i gol degli attaccanti. Il loro digiuno comincia a pesare, perché finora abbiamo sbloccato i match solo con un centrocampista e un difensore”.

Il tecnico corallino analizza il momento delle punte biancorosse: “Non è un problema di movimenti o di scarsi rifornimenti, perché questa Turris gioca sempre in attacco e produce almeno 5-6 occasioni importanti a partita. E sono davvero tante per una squadra che comunque deve salvarsi. Anche oggi sono arrivate tante palle in area. Il problema credo sia psicologico, ma mi aspetto di più da loro. Bisogna migliorare nell’ultimo passaggio, dove serve maggior precisione e convinzione nei propri mezzi. Bisogna essere meno belli è più cattivi sotto porta. Sono convinto che non appena si sbloccheranno, non avremo più di questi problemi”.   

Mister Carannante passa poi ai singoli: “De Simone? Come tutti gli ultimi arrivati è ancora leggermente più indietro rispetto agli altri, ma si sta impegnando ed è un giocatore molto valido. Comunque credo che in questo momento il problema non sia a centrocampo, dove tutti stanno facendo bene. Qualche criticità l’abbiamo in avanti e dobbiamo risolverla al più presto”.