Baratto: "Ci gira tutto storto, ho chiesto al pubblico di aiutarci. Su formazione e societá..."

 di Vincenzo Piergallino  articolo letto 1616 volte
Baratto: "Ci gira tutto storto, ho chiesto al pubblico di aiutarci. Su formazione e societá..."

E’ un Baratto quasi sconsolato quello che commenta il match col Gragnano, con una sconfitta evitata solo nel finale grazie al gol di Varriale: “Non vado in cerca di alibi ma, al di lá dei nostri limiti, purtroppo è un momento in cui tutto ci gira storto. Preparare la gara in un certo modo e poi subire gol dopo soli 2 minuti, in una situazione di gioco provata più volte in allenamento, e perdere subito un giocatore come Danti, in un momento giá di per sè difficile dal punto di vista psicologico, ha complicato ulteriormente tutti i piani. La squadra non vive un periodo felice e l’unica medicina sarebbe la vittoria, ma i ragazzi vanno comunque ringraziati per aver dato tutto, riagguantando almeno un pari che ci permette di vedere il bicchiere mezzo pieno”.

LE SCELTE TATTICHE – Baratto commenta le scelte di formazione: Perchè Joof fuori dal primo minuto? Perchè ho cambiato modo di giocare (riferendosi al passaggio al 4-3-3) e da vertice basso non mi ha convinto in allenamento. Pertanto, avendo bisogno di uno che facesse le veci di Danucci, ho preferito schierare un giocatore come Cavaliere che ha quelle caratteristiche, piuttosto che adattare giocatori fuori ruolo, come sarebbe successo se avessi inserito in quella posizione De Rosa o lo stesso Joof. Il dubbio della vigilia era appunto se mettere dentro Joof dall’inizio, con Gazzaneo basso, oppure optare per Cavaliere. E alla fine ho deciso di schierare i giocatori nelle proprie posizioni naturali”.

I GESTI VERSO IL PUBBLICO – Mi sono rivolto in più di un’occasione verso la Tribuna per cercare di far trascinare la squadra in un momento di grande difficoltá mentale. Poi magari a fine gara la gente può anche contestare, ma durante i 90 minuti ho chiesto al pubblico di aiutare i ragazzi, perchè il clima era surreale.

LA SOCIETA’ – Sibillino poi Baratto, quando gli viene chiesto se sente ancora la vicinanza del club: “Non posso dire tanto al proposito... Tocca a noi dimostrare di poter fare qualcosa in più e trascinare la dirigenza e gli stessi tifosi con maggior entusiasmo”.