Colantonio: "Parte la Turris 2.0. Farò di tutto per la salvezza. Su Carannante, Chiaiese e Calce..."

 di Vincenzo Piergallino  articolo letto 1435 volte
Colantonio: "Parte la Turris 2.0. Farò di tutto per la salvezza. Su Carannante, Chiaiese e Calce..."

E’ intervenuto anche il presidente Antonio Colantonio alla conferenza di presentazione di mister Potenza: Ho dato mandato a Costagliola di dare inizio alla Turris versione 2.0, come da programmi. Infatti già a luglio avevo detto che ci saremmo rinforzati anche a livello di staff nel corso della stagione, ma ovviamente non erano preventivabili determinati cambi. Esonerare Cannante è stata una decisione sofferta, ma legge del calcio impone purtroppo delle svolte quando non arrivano dei risultati”.

Il patron corallino aggiunge: Il progetto non cambia, finalizzato a puntare alla Lega Pro in 3 anni. Il ds Costagliola ha portato questo nuovo staff che non conoscevo, ma sono molto contento della scelta. Farò tutto quello che è in mio potere per far sì che la Turris si salvi, per questo motivo ho dato carta bianca al direttore sportivo, senza alcun limite di sorta”.

Sulla posizione della piazza, che fino all’ultimo ha provato ad opporsi all’esonero di Carannante, nonostante i risultati: “Una dimostrazione di grandissima maturità, la quale dimostra che la piazza ha compreso il progetto. In generale sono contento del comportamento della piazza e questo è uno dei motivi che mi spinge a continuare con maggior convinzione l’opera intrapresa, salvo qualche multa che vorrei evitare. Quei soldi preferirei investirli per qualche giocatore. Ma io non mollo e andrò avanti nei miei programmi”.   

Sulla posizione di Chiaiese, che tornerà ad occuparsi a tempo pieno del settore giovanile: “Il mister doveva essere il responsabile tecnico del settore giovanile già dall’inizio. Poi, per mia scelta, gli avevo chiesto anche di affiancare Carannante in panchina. Era diciamo prestato alla prima squadra, ma continua a far parte comunque del progetto Turris”.

Sull’allontanamento di Calce: “Stimo Vincenzo. Si è preso una pausa di riflessione ma francamente non so i motivi. Mi ha detto che al momento opportuno mi chiamerà e ne parleremo. In ogni caso il mio rapporto nei suoi confronti non cambierà, a prescindere se tornerà o meno”.