Prima lo spavento, poi il sollievo: salvi per un pelo!

08.05.2016 20:40 di Vincenzo Piergallino  articolo letto 2386 volte
Prima lo spavento, poi il sollievo: salvi per un pelo!

La Turris non si smentisce mai. Da tipico dna corallino, anche nelle situazioni apparentemente più agevoli finisce per complicarsi la vita, lascia presagire una morte inevitabile, ma quando tutto sembra ormai finito trova la forza per risorgere dal buio. Lo stesso avviene anche a Picerno, dove la Turris va sotto di due reti dopo 50 minuti da dimenticare e per buona parte del match vede concretamente lo spettro dei playout, salvo poi trovare la rimonta nell'ultima mezz'ora e festeggiare al fischio finale una salvezza raggiunta al cardiopalma. Alla fine basta e avanza il pari ai corallini, dato che il San Severo fa peggio, rimediando la sconfitta contro un Bisceglie che sulla carta non aveva più nulla da chiedere al campionato, proprio quel Bisceglie che qualche settimana fa si scontrò a suon di polemiche col club corallino. Si chiude così una stagione intensa dal punto di vista emotivo per i biancorossi: la permanenza in D è il tassello fondamentale per permettere a questa società di continuare a crescere e programmare, per un futuro che dovrà prevedere necessariamente un innalzamento degli obiettivi. Impensabile sarebbe infatti ripetere i patemi di quest'anno, che doveva essere di transizione e così è stato.

LA PARTITA - Mister Baratto opta per una Turris più esperta nell'ultimo atto del campionato: dentro Salvatore, Ferraro e a sorpresa D'Amico tra i pali, preferito ad Abagnale. Altra novità nel 4-3-3 è la posizione di Romano da mezzala, con Somma terzino sinistro. Nel Picerno Arleo, costretto a rinunciare agli attaccanti Catalano e Varriale (infortunato), lascia in panchina gli ex Perna e Tarascio, schierandosi con un 4-2-3-1 formato da tutti brevilinei. Gli avvertimenti del trainer lucano lanciati in settimana si verificano in campo dove il Picerno, pur essendo già retrocesso, se la gioca con veemenza sin dal primo minuto.

PRIMO TEMPO HORROR - Primo tempo di grande sofferenza per i 250 supporter provenienti da Torre del Greco, dato che la Turris viene messa alle corde da un Picerno apparso più sciolto e brillante sul piano mentale, atletico e tecnico. Gli uomini di Arleo pressano a tutto campo e per l'eccessiva foga peccano di precisione negli ultimi metri. Al 19' Li Muli trova il gol in rovesciata, ma l'arbitro annulla per fuorigioco. Tuttavia i padroni di casa in ripartenza creano sempre pericoli ad una Turris troppo contratta e al 39' trovano il meritato vantaggio con colpo di testa di Conti. E' la rete che spaventa la Turris ed i suoi tifosi, dato che il momentaneo vantaggio del San Severo a Bisceglie e la vittoria del Torrecuso condannano i corallini ai playout.

INFERNO: ANDATA E RITORNO - L'inizio della ripresa è ancor più da incubo, dato che i lucani trovano subito il raddoppio con Esposito, lesto nel beffare la difesa corallina su un lancio dalle retrovie. Sembrerebbe il colpo del ko, ma la notizia del pareggio del Bisceglie riapre ancora qualche speranza. Con un pari, infatti, la Turris sarebbe ancora salva. Mister Baratto si gioca allora le carte Falco e Schettino, passando al 4-2-4. La Turris si sbilancia nella metà campo avversaria ed in soli 4 minuti trova il pari, prima con Sperandeo e poi con Schettino. Nel frattempo il Bisceglie passa addirittura in vantaggio ma la Turris non si fida, continuando a scoprirsi per trovare la vittoria della matematica salvezza. Nell'ultima mezz'ora saltano gli schemi su entrambi i fronti, con le due squadre che sfiorano il gol in più di un'occasione. I biancorossi ci vanno vicini con Sperandeo, ma negli ultimissimi secondi sono i padroni di casa a divorarsi la palla del 3-2 con il neo entrato Pisani, che spara alto un rigore in movimento. Al triplice fischio soltanto la certezza della vittoria del Bisceglie scaccia via gli ultimi fantasmi. La Turris tira un sospiro di sollievo: sarà ancora serie D!

PICERNO-TURRIS 2-2

PICERNO (4-2-3-1): Ioime, Miglionico, Agresta, Colarusso, Pascuccio, Conti, Sangiacomo, Li Muli (21'st Pisani), Esposito, Bacio, Minicone (31'st Lugliese). A disp.: Ciurli, Montuori, De Santis, Gerardi, Del Gaudio, Pisani, Perna, Tarascio, Lugliese. All.: Arleo. 

TURRIS (4-3-3): D'Amico, Gallo, Somma, Lordi (12'st Schettino), Salvatore, Manzi, Ferraro (1'st Falco), Manzo, Tarallo, Romano, Sperandeo. A disp.: Abagnale, Russo, Vallefuoco, Di Biase, Mazzei, Comentale, Perrino, Falco, Schettino. All.: Baratto. 

ARBITRO: Zuffada di Sulmona.

RETI: 39'pt Conti, 1'st Esposito, 20'st Sperandeo, 24'st Schettino.

NOTE: ammoniti Manzo, Manzi. Spettatori: 550 circa di cui, 250 da Torre del Greco.